lunedì 29 ottobre 2012

RECENSIONE: Il richiamo della sirena di Tricia Rayburn

Salve a tutti. (:
Anche oggi vi propongo l'ennesima recensione. Davvero, questo mese mi sto stupendo di me stessa (sarà che mi sto proprio entusiasmando per la Halloween Reading Challenge!) e non credo di aver mai letto tutti questi libri in un solo mese. O.O"
Sono davvero contenta di essere riuscita a smaltire almeno un pò la lista dei libri da leggere, ma ce ne sono ancora molti altri che mi aspettano e non vedo l'ora di poterli leggere sia per me che per voi. ^_________^


Titolo: Il richiamo della sirena

Titolo originale: Undercurrent
Autore: Tricia Rayburn
Data di uscita: 28 Febbraio 2012
Editore: Piemme Freeway
Pagine: 307
Prezzo: € 17,00

C'è solo una forza alla quale una sirena non può opporsi. L'amore. Niente è tornato normale da quando Vanessa Sands ha scoperto che la sorella maggiore è stata uccisa dalle sirene nelle gelide acque del Maine e che tutto quello che pensava di conoscere della sua famiglia è solo un cumulo di bugie. Simon, il suo adorato Simon, sembra essere l'unica persona di cui potersi fidare. Eppure nella vita di Vanessa esistono dei segreti che non può confessare neppure a lui. Per esempio la sua vera natura, o i dubbi a proposito dei suoi sentimenti dopo aver conosciuto Parker, il ragazzo più desiderato di tutto il liceo. Vanessa non si è mai sentita più sola, eppure è costretta a mettere da parte i propri problemi perché le sirene di Winter Harbour si sono liberate dalla loro prigione di ghiaccio e sono tornate a cercarla.


My rolling thought


Lasciatasi alle spalle Winter Harbour e il lago completamente congelato, Vanessa fa ritorno a casa, a Boston. Accompagnata dalla sua nuova migliore amica Paige, ora la ragazza si ritroverà a fare i conti con la sua quotidianità e con i problemi che riguardano una qualunque adolescente: la scuola, la scelta del college e l'amore. Ma Vanessa ormai non è più la ragazza timida e paurosa che era prima di partire per Winter Harbour con la sua famiglia, e in fondo non è neanche più completamente una ragazza. La sua natura di sirena è un incubo fisso che la perseguita lungo tutto il corso delle sue giornate e a nulla servono le bevande corrette con il sale e i bagni nell'acqua salata a cui si sottopone ad intervalli regolari. La sua famiglia sta lentamente crollando dopo la morte di Justine, sua madre vive nel ricordo e il padre sembra nascondere molti più segreti della figlia. La relazione tra Vanessa e Simon sembra destinata a sfaldarsi lentamente a causa anche di Parker, un ragazzo che si insinua nella vita di Vanessa in modo del tutto inaspettato, e le pressioni per la scelta del college non la aiutano di certo. Ma una serie di strani incidenti, morti sospetti e sfuggenti apparizioni di Zara e Raina fanno temere a Vanessa una realtà che non vuole o che non riesce ad accettare. Le sirene sono tornate.

Non so se sapete che adoro le sirene: da piccola andavo matta per La Sirenetta e da allora queste creature marine mi sono sempre rimaste nel cuore. Da quando è nato il mio blog ho già pubblicato due recensioni di libri che hanno come protagoniste le sirene, ho in programma di leggere Un bacio dagli abissi e sto leggendo Selina Penaluna. I libri di cui vi ho già parlato sono invece Il libro segreto delle sirene di PC Cast e Il bacio della sirena di Tera Lynn Childs, ma purtroppo in nessuno dei due non sono riuscita a trovare il mio ideale di sirena (senza nulla togliere a questi due romanzi).
L'unica eccezione è stato Sirene di Tricia Rayburn, libro che ho letto l'estate dell'anno scorso e che è riuscito ad appassionarmi tantissimo. Sirene sensuali, perfide, che infestano il fondo dell'Oceano e che ammaliano gli uomini, trascinandoli nel profondo degli abissi e piegandoli al loro volere. Sirene che uccidono per rafforzare i loro poteri.
Si, Sirene mi è proprio piaciuto, e ora a distanza di più di un anno sono riuscita a leggerne il seguito, Il richiamo della sirena. Purtroppo non posso dire di esserne rimasta così entusiasta come lo è stato per Sirene, ma le figure delle sirene presentate in questa saga mi piacciono così tanto che non vedo l'ora di leggere il seguito e quindi di sapere come si concluderà la storia.
Il richiamo della sirena si presenta meno avvincente e un pò meno entusiasmante del capitolo precedente, e conferma ciò che temo di più al mondo in una saga: ovvero che il secondo libro sia solo un libro di passaggio da un inzio coinvolgente ed entusiasmante a un degno epilogo di tutta la saga. Se in Sirene la trama e l'intreccio mi avevano legata alla pagine e mi invogliavano a proseguire la lettura per arrivare a capo della situazione, in Il richiamo della sirena non è stato del tutto così. La curiosità di scoprire di più sulla natura di Vanessa c'era sempre, ma attutita dal fatto che le sue vicende di "normale" studentessa non mi hanno coinvolta più di tanto. Trovo molto carina l'idea da parte dell'autrice di volerci presentare la vita quotidiana di Vanessa, ma su di me non ha fatto molto presa, e ciò forse è dovuto al fatto che - a mio avviso - la Rayburn sia stata piuttosto caotica e che non sia riuscita a gestire i diversi elementi che ha voluto inserire nel suo libro. La scelta del collegge e le dovute pressioni dall'esterno si aggiungono alla vita sentimentale della ragazza, ad altre e numerose morti sospette, ad una famiglia in lutto e alla ricerca delle proprie origini, con l'aggiunta di altri personaggi. Però non so, ora scrivendo - e rileggendo -  tutti quesi elementi, in effetti, ci "stanno" tutti... forse è solo una questione di gusti personali! Ma una cosa che mi ha dato fastidio (e qui penso di non essere la sola e che la cosa non dipenda solo dai miei gusti) è la discontinuità tra un capitolo e un altro. Mi spiego meglio: ogni qual volta succede qualcosa di interessante il capitolo si interrompe bruscamente (come è giusto che sia), ma nel capitolo seguente non viene più ripreso il filo del discorso e si apre una nuova scena. Lo trovo solo io estremamente fastidioso?! Ma nonostante tutto questo, la storia personale della protagonista e la ricerca di informazioni sulla madre Charlotte mi ha coinvolta tantissimo ed è quello che più desideravo leggere in questo continuo. Secondo voi Vanessa riuscirà ad arrivare a capo della sua intricata storia e ad avere più informazioni su sua madre? Leggete per scoprirlo. (;

7 commenti:

  1. Che bello il nuovo logo del blog! Adoro Tim Burton! *W*

    Concordo, Il richiamo della sirena ha deluso un po' anche me. E Sirene mi era piaciuto molto!
    Ma anche io come te, sono curiosa di leggere il finale per vedere come andrà a finire! ^_^

    RispondiElimina
  2. P.S: anche io ho trovato fastidiosa la cosa dei capitoli che si interrompevano all'improvviso! >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora siamo in due che adorano Tim Burton e che la pensano allo stesso modo su questo libro.
      Le mie aspettative su Dark water sono molto alte, spero non mi deluda. (:

      Elimina
  3. Non è tra i miei libri preferiti ma è abbastanza carino xD
    Tu preferisci Simon o Parker? Io Parker ;D

    P.s: Ho cambiato il nick ma sono sempre Aui xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente Parker. Simon è troppo nella "norma" e precisino, per i miei gusti. xD

      Elimina
  4. Devo ancora leggere questo libro!!!
    delle sirene ho letto solo "Il bacio della sirena" molto carino!!!
    vediamo cosa ne penso di questo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sisi, Il bacio della sirena è molto carino però è completamente diverso da Sirene. ^^

      Elimina

thank u.
i love reading your rolling thoughts.♡