mercoledì 30 maggio 2012

BETWEEN MY SHELVES #5 - Maggio 2012


Questo mese mi piacciono proprio tanto tanto i libri che ho adottato. *-* Non li ho ancora letti tutti (anche perchè devo leggere ancora quelli che ho accumulato nei mesi precedenti), ma quelli che sono riuscita a terminare si sono rivelati degli ottimi libri (Hunger Games, La chimera di Praga).
E poi finalmente ho preso Delirium   complice il 20% di sconto dei giorni passati. *-* Ne ho approfittato anche per prendere Storia catastrofica di te e di me e Il giardino degli eterni.


L'angolino manga


Nodame Cantabile 21, Rinne 6, Black Butler 11, Emma, Love Me Knight 1, Devil & Love Song 8, Love Button 1, Hitsuji no Uta 2, Hime-chan no robbon 2, Namida Usagi 3, Strobe Edge 3, Stray Love Heart 3.


Questa volta non mi sono fatta fregare, mi sono fatta mettere da parte tutto quello che non ho trovato così finalmente riempirò i buchi e potrò continuare a leggere i miei adorati manga. *-*
Purtroppo dovrò interrompere alcune serie e mi dispiace tanto, ma stanno aumentando troppo i prezzi e di questo passo non potrò più farcela. T^T Un pò mi dispiace ma non ho altra scelta.

martedì 29 maggio 2012

RECENSIONE: Il libro segreto delle sirene di PC Cast



Titolo: Il libro segreto delle sirene
Titolo originaleGoddess of the sea
Autore: PC Cast
Data di uscita2 Febbraio 2012
Editore: Newton Compton
Pagine: 346
Prezzo€ 9,90
Negli abissi dell'oceano sta nascendo un amore... La sera del suo venticinquestimo compleanno Christine Canady, sergente della Forza Aerea statunitense, festeggia da sola, nel suo appartamento, con una bottiglia di champagne. Quanto desidererebbe un pò di magia nella sua vita! Completamente ubriaca, Christine inizia un selvaggio rituale, invocando l'intervento di una dea. Ma mai avrebbe pensato che la sua richiesta sarebbe stata esaudita. Durante una missione militare, il suo aereo precipita nell'oceano e Christine si risveglia negli abissi marini, nel corpo di Ondina, una leggendaria sirena. L'oceano però è un posto pericoloso, e la regina Gea decide di trasformarla in una fanciulla per permetterle di trovare riparo sulla terra. Ma è nel mare che Ondina desidera tornare, e all'affascinante Dylan, creatura dell'oceano, che ormai le ha rubato il cuore.

My rolling thought


Christine Canady, detta CC, si ritrova a festeggiare da sola la notte del suo venticinquesimo compleanno. Sentendosi abbandonata dalla sua famiglia e non avendo un fidanzato, decide di festeggiare davanti il televisore facendosi compagnia con una bottiglia di champagne. Ma a fine serata, stufa della sua vita piatta e monotona e desiderosa di un pò di magia, compie uno strano rituale invocando la dea Gea. Pochi giorni dopo CC parte per una missione ma il suo aereo precipita in mare e si risveglia nel corpo della bellissima Ondina, una principessa sirena. CC non sa come comportarsi nella sua nuova forma e subito viene "molestata" da un tritone, Sarpedonte, fratellastro di Ondina. La ragazza riesce a sfuggirgli e ad entrare in contatto con la dea Gea, madre di Ondina, la quale le propone una via di fuga dal mare: potrà ottenere la forma umana per sempre a patto di trovare il vero amore, ma intanto dovra far ritornarno ogni tre notti presso l'oceano e trasformarsi, altrimenti morirà. Fin qui sembrerebbe tutto abbastanza facile, se non fosse per il fatto che CC è stata catapultata nel bel mezzo del Medioevo. Ma a farle battere il cuore c'è Dylan, uno splendido tritone che le mostrerà non solo le meraviglie del mare...

Goddess Of The Sea è la nuova serie dai toni maturi di PC Cast, autrice ormai nota per la serie House Of Night.
Di primo impatto non c'è nulla di nuovo all'orizzonte: ritroviamo infatti anche in questo libro riti di invocazione, dee e fanciulle innamorate che devono fare i conti con innumerevoli pretendenti. Tutti temi che chi, come me, ha letto La Casa Della Notte conoscerà ormai abbastanza bene.
Sorvolando tutti questi aspetti, la cosa che ho apprezzato di più di questo libro è stata la scelta di ambientare il romanzo nel Medioevo in un monastero e di sollevare questioni rispetto la parità dei sessi e la dignità e l'indipendenza femminile. La nostra CC infatti si ritroverà più volte a scontrarsi con figure di uomini figli del loro tempo, che credono nella stregoneria e che vedono il corpo della donna come un qualcosa di peccaminoso, e predicano il suo dovere di assolvere i compiti famigliari, soddisfando ogni desiderio del marito. Nonostante ciò, CC riuscirà a tenerli testa grazie all'appoggio di un simpatico gruppo di vecchiette, ospiti anche loro del monastero. Un gruppetto davvero speciale di cui CC riuscirà pian piano a conquistare la fiducia e che le terrà compagnia durante i suoi giorni da "segregata" in cella.
Un'altro aspetto portante del libro è l'amore, inteso non in senso spirituale, ma prettamente fisico. Ci sono diverse scene che descrivono l'amore tra CC e non vi dirò chi. u.ù E' stata la prima volta che mi sono trovata ad affrontare scene del genere, ma non sono rimasta molto infastidita. Comunque sia non credo di essermi appassionata a trame del genere.
Forse non sarà un romanzo eccezionale, ma si lascia leggere facilmente.

venerdì 25 maggio 2012

RECENSIONE: La chimera di Praga di Laini Taylor

Oggi vi propongo la recensione di un libro meraviglioso, che mi ha letteralmente strappato il cuore.
Se non lo avete ancora letto fatelo, non ve ne pentirete.


Titolo: La chimera di Praga
Titolo originaleDaughter of smoke and bone
Autore: Laini Taylor
Data di uscita7 Maggio 2012
Editore: Fazi Editore
Pagine: 394
Prezzo€ 14,90
C'era una volta un angelo che si innamorò di un divolo... ma il loro era un amore impossibile. Karou ha 17 anni, è una studentessa d'arte e per le strade di Praga, la città in cui vive, non passa inosservata: i suoi capelli sono di un naturale blu elettrico, la sua pelle è ricoperta da un'intricata filigrana di tatuaggi, parla più di venti lingue e riempie il suo album da disegno di assurde storie di mostri. Spesso scompare per giorni, ma nessuno sospetta che quelle assenze nascondano un oscuro segreto. Figlia adottiva di SUlphurus, il demone chimera, la ragazza attraversa porte magiche disseminate per il mondo per scovare i macabri ingredienti dei riti di Sulphurus: i denti di ogni razza umana e animale. Ma quando Karou scorge il nero marchio di una mano impresso su una di quelle porte, comprende che qualcosa di enorme e pericoloso sta accadendo e che tutto il suo universo, scisso tra l'esistenza umana e quella tra le chimere, è minacciato. Ciò che si sta scatenando è il culmine di una guerra millenaria tra gli angeli, esseri perfetti e senz'anima, e le chimere, creture orride e grottesche solo nell'aspetto esteriore; è il conflitto tra le figure principi del mito cristiano e quelle dell'immaginario pagano. Nel disperato tentativo di aiutare la sua "famiglia" Karou si scontra con la terribile bellezza di Akiva, il serafino che per amore le risparmierà la vita.

My rolling thought


Questa è la storia di Karou, una ragazza di 17 anni dal passato tanto oscuro quanto particolare è il suo aspetto esteriore: capelli di un eccezionale blu elettrico e un corpo decorato da una miriade di tatuaggi, in particolare due "occhi" (hamsa) sui palmi delle mani la accompagnano da tempo immemorabile.
Eppure Karou avverte dentro di sè un vuoto che non riesce a colmare, una voragine che la risucchia inaspettatamente e che non le permette di trascorrere notti tranquille, il tormento di non riuscire a capire (o meglio scoprire) quali siano le sue origini e perchè si trova a vivere una vita fuori dal "comune".
Karou infatti non è semplicemente una studentessa di arte in una scuola di Praga, ma sa parlare più di venti lingue ed ha l'innata capacità di scomparire per diversi periodi di tempo e ricomparire dal nulla. La "causa" di questi viaggi sono delle strane commissioni che suo padre adottivo Sulphurus, Demone dei Desideri nonchè chimera, le commissiona periodicamente.
Sarà in uno di questi viaggi che Karou si sconterà letteralmente con il suo passato, a partire dall'incontro con il serafino Akiva...


"Once upon a time..." - "C'era una volta..." - tutte le storie che iniziano con questa frase celano al loro interno una storia d'amore che deve affrontare numerose prove e superare ostacoli insommontarbili prima di raggiungere il lieto fine; ma alcune volte le storie d'amore non finiscono semplicemente con un "... and they lived happily ever after".
La chimera di Praga è un libro ipnotico: una volta che si inizia a leggere le prime pagine è impossibile fermarsi e non desiderare di saperne di più sulla storia e sul passato di Karou. Non solo perchè tutto è tenuto all'oscuro del lettore e viene rivelato solo nell'ultima sezione del libro, ma per le ambientazioni, le atmosfere e la poeticità che Laini Taylor è riuscita a creare.
Praga è una città mistica, oscura, dai toni gotici e affascinanti; un'ambientazione inconsueta. Confesso di essere andata alla ricerca su internet dei luoghi descritti nel romanzo ed in particolare del Poison Kitchen, di cui però non ho trovato nulla.
E poi ci sono le chimere, "incroci" perversi di parti umane e parti animali, però non necessariamente mostri, ma affascinanti nel loro modo di essere. La descrizione di questi esseri ha sollecitato tantissimo la mia fantasia: sono stata diverso tempo ad immaginarmi combinazioni diverse di possibili chimere. E poi mi sono affezionata a Sulphurus e a tutta la "famiglia" di Karou, in particolare nella seconda parte del romanzo.
E proprio la seconda parte è stata quella che mi ha emozionata di più, ma per non togliere a nessuno il gusto della lettura non rivelerò nulla.
Solo un piccolo appunto: il titolo originale de La chimera di Praga è Daughter of smoke and bone. Durante la lettura mi sono chiesta più volte cosa potesse significare questo "figlia di fumo e ossa" tant'è che lo trovavo poco indicato, ma alla fine, quanto tutto viene rivelato, l'ho trovato perfetto e mi è dispiaciuto che non sia stato mantenuto anche nella nostra edizione. Comunque non è male neanche La chimera di Praga.
Se volete conoscere la storia di Karou e Akiva non vi resta che leggere questo meraviglioso libro. 

mercoledì 16 maggio 2012

RECENSIONE: Hunger Games, La ragazza di fuoco di Suzanne Collins


Titolo: Hunger Games, La ragazza di fuoco
Titolo originale: Catching fire
Autore: Suzanne Collins
Data di uscita: 2 Novembre 2010
Editore: Mondadori Chrysalide
Pagine: 373
Prezzo€ 17,o0

Un gioco a cui non si può sfuggire. Con un vincitore solo. Non puoi rifiutarti di partecipare agli Hunger Games. Una volta scelto, il tuo destino è scritto. Dovrai lottare fino all'ultimo, persino uccidere per farcela. Katniss ha vinto? E' davvero salva? Dopo la 74esima edizione degli Hunger Games, l'implacabile reality show che si svolge a Panem ogni anno, Katniss e Peeta sono, miracolosamente, ancora vivi. Katniss dovrebbe senntirsi sollevata, perfino felice. Dopotutto, è riuscita a tornare dalla sua famiglia e dall'amico di sempre, Gale. Invece nulla va come Katniss vorrebbe. Gale è freddo e la tiene a distanza. Peeta le volta le spalle. E in giro si mormora una rivolta contro Capitol City... una rivolta che Katniss e Peeta potrebbero avere contribuito a fomentare. La ragazza di fuoco è sconvolta: ha acceso una sommosa. Ora ha paura di non riuscire a spegnerla. E forse non vuole neppure farlo. Mentre si avvicina il momento in cui lei e Peeta dovranno passare da un distretto all'altro per il crudele Tour della Vittoria, la posta in gioco si fa sempre più alta. Se non riusciranno a dimostrare, senza ombra di dubbio, di essere perdutamente innamorati l'uno dell'altra, Katniss e Peeta rischiano di pagare con la vita...


My rolling thought


Katniss e Peeta hanno vinto. Sono scampati alla morte nell'Arena e sono ritornati a casa, nel Distretto 12. Ma nulla potrà essere come prima: i rapporti sono cambiati, e alcuni si sono sfaldati senza alcuna possibilità di essere risanati.
La sfortunata storia d'amore dei due ragazzi continua ad appassionare tutti i cittadini di Capital City, tutti tranne uno, colui che ha capito che era tutta finzione e che ora vuole essere convinto durante il Tour della Vittoria. Il presidente Snow.
I distretti sono in rivolta e la ormai famosa Ghiandaia Imitatrice ne diviene il simbolo. La Ragazza di Fuoco non può tirarsi indietro.
E' passato un anno dagli ultimi Hunger Games, e tutti aspettano con trepidazione l'Edizione della Memoria, quella che si tiene ogni venticinque anni, e in cui le regole del gioco possono essere cambiate.


La ragazza di fuoco, secondo capitolo della trilogia degli Hunger Games, continua ad appassionare, tra momenti di quiete apparente e di shock assoluto.
La Collins, sulla scia del primo libro, continua a regalarci momenti emozionanti e occasioni di riflessione.
Al triangolo amoroso tra Katniss-Peeta-Gale viene dato più spazio, ma l'attenzione è sempre focalizzata sulla voglia di ribellione dei Distretti e sulla speranza di una futura libertà, che prende le vesti del mitico Distretto 13. Molti infatti sono convinti che il Distretto non sia scomparso, come invece vuol far credere Capital City, e nessuno vuole rinunciare a questa speranza. Neanche l'arrivo di nuovi Pacificatori, più violenti e crudeli dei precedenti, potrà fermarli.
Anche in questo libro Katniss conferma il suo carattere forte e risoluto, nonostante i momenti di debolezza e di smarrimento legati all'Edizione della Memoria: nessuno, lei compresa, avrebbe mai immaginato di dover ritornare nell'Arena. Ma ora con lei c'è una nuova consapevolezza: sa di essere il simbolo della rivolta, la Ghiandaia Imitatrice, la Ragazza di Fuoco, e anche se dovrà andare incontro alla morte nell'Arena il messaggio che porta dentro di sè non sarà perduto.
Tra un'Arena fuori dal comune, Tributi speciali e nuove allenze, La ragazza di fuoco ci conduce verso l'ultimo capitolo della saga, con un epilogo che lascia senza fiato.

mercoledì 9 maggio 2012

RECENSIONE: Hunger Games di Suzanne Collins

Titolo: Hunger Games
Titolo originaleThe Hunger Games
Autore: Suzanne Collins
Data di uscita1 Marzo 2012
Editore: Mondadori Chrysalide
Pagine: 376
Prezzo€ 17,00
Quando Katniss urla "Mi offro volontaria, mi offro volontaria come tributo!" sa di aver appena firmato la sua condanna a morte. E' il giorno dell'estrazione dei partecipanti agli Hunger Games, un reality show organizzato ogni anno da Capitol City con una sola regola: uccidi o muori. Ognuno dei Distretti deve sorteggiare un ragazzo e una ragazza tra i 12 e i 18 anni che verrò gettato nell'Arena a combattere fino alla morte. Ne sopravvive uno solo, il più bravo, il più forte, ma anche quello che si conquista il puubblico, gli sponsor, l'audience. Katniss appartiene al Distretto 12, quello dei minatori, quello che gli Hunger Games li ha vinti solo due volte in 73 edizioni, e sa di avere poche possibilità per farcela. Ma si è offerta al posto di sua sorella minore e farà di tutto per tornare da lei. Da quando è nata ha lottato per vivere e lo farà anche questa volta. Nella sua squadra cè anche Peeta, un ragazzo gentile che però non ha la stoffa per farcela. Lui è determinato a mantenere integri i propri sentimenti e dichiara davanti alle telecamere di essere innamorato di Katniss. Ma negli Hunger Games non esistono gli amici, non esistono gli affetti, non c'è spazio per l'amore. Bisogna saper scegliere e, soprattutto, per vincere bisogna saper perdere, rinunciare a tutto ciò che ti rende Uomo.

My rolling thought

Felici Hunger Games!
E possa la buona sorte essere sempre a vostro favore.


Dopo aver visto il film (qui potete leggere le mie impressioni in proposito), la stessissima sera ho iniziato a leggere Hunger Games e in quasi tre giorni l'ho finito.
Da tempo ormai cercavo un libro che mi prendesse, che mi appassionasse, tanto da rimanere sveglia tutta la notte per leggerlo e la mattina dopo non pensare ad altro. Direi che Hunger Games ci è riuscito.
Non mi concentrerò sulla trama perchè credo che più o meno tutti la conoscano e perchè ne ho ampiamente parlato nella recensione del film.
Hunger Games è crudo e reale.
Lo stile di scrittura della Collins, la descrizione dei personaggi, l'atmosfera: tutto è strutturato e articolato in modo tale da renderlo credibile, vero. Nulla è troppo eccessivo e nulla scade nell'assurdo.
Ogni personaggio ha una sua storia, un suo vissuto, e ci viene raccontato senza che la trama si appesantisca o perda di mordente.
Il punto forte di tutto il libro è ovviamente la protagonista, Katniss. Pochi libri possono vantare di avere una protagonista come lei.
Durante tutto lo svolgersi delle vicende noi non siamo con Katniss, siamo lei: osserviamo con i suoi occhi e analizziamo la situazione ed elaboriamo strategie con la sua mente. Quando si fa avanti al posto di sua sorella, quando è nell'arena: le sue paure, le sue incertezze ma anche il suo cinismo e la sua durezza ci colpiscono fin nel profondo, e non possiamo evitare di pensare "perchè? perchè tutto questo? e a quale scopo?"
Combattere contro il sistema, combattere contro Capital City.
Questo è ciò che vuole Katniss e che vuole ogni singolo abitante di Panem.

giovedì 3 maggio 2012

RECENSIONE: Il bacio della sirena di Tera Lynn Childs


Titolo: Il bacio della sirena
Titolo originaleForgive my fins

Autore: Tera Lynn Childs
Data di uscita22 Marzo 2012
Editore: Tre60
Pagine: 286
Prezzo€ 9,90
E' l'erede al trono de regno delle sirene, e un bacio deciderà il suo destino... Lily Sanderson ha diciassette anni e vive con la zia nella piccola cittadine di Seaview. Adora trascorrere il tempo libero con le amiche e parlare al telefono mentre si rilassa nella vasca da bagno ma, ogni volta che si trova di fronte a Brody Bennett, il bellissimo capitano della squadra di nuoto della scuola, lei entra nel panico. Il motivo è semplice: Lily è perdutamente innamorata di lui. Da sempre. Come da sempre, invece, odia il suo incubo quotidiano, Quince Fletcher, l'invadente vicino di casa che sembra non avere niente di meglio da fare che renderle la vita impossibile. Lily, però, custodisce un piccolo segreto: è una sirena, nata dalla relazione della madre umana - morta quando lei era ancora una bambina - e il re di Thalassinia, meraviglioso mondo sottomarino dove la ragazza potrà tornare al compimento dei diciotto anni. Con il giorno del suo compleanno alle porte, Lily decide quindi di fare il grande passo, e il Ballo di Primavera organizzato dalla scuola è l'occasione perfetta per mettere in pratica il suo piano: baciare Brody per legarsi indissolubilmente a lui con un incantesimo. Tuttavia la situazione le sfugge ben presto di mano: per una serie di sfortunate coincidenze, infatti, quella sera la sirena bacia il ragazzo sbagliato.

My rolling thought

Lily Sanderson è una ragazza quasi diciottenne che vive con la zia in una piccola cittadina della California. Lily però non è come tutte le altre ragazze californiane della sua età: non è abbronzata, non veste alla moda (anzi, sembra che lei e la moda non vadano proprio d'accordo) e i suoi lunghi capelli biondi sono così cespugliosi da sembrare quasi una spugna marina. Inoltre fa un uso spregiudicato di espressioni ed esclamazioni marinaresche quasi da sembrare un marinaio! No, Lily non è decisamente come tutte le altre ragazze della sua età: lei è una sirena, e per giunta la principessa e l'unica erede al trono di Thalassinia, lo splendido regno sottomarino dal quale proviene.
Ma Lily è pur sempre una ragazza, e nasconde nel suo cuore da circa tre anni l'amore per il bellissimo capitano della squadra di nuoto della scuola, Brody. Non è mai riuscita a confessargli i suoi sentimenti, ma le cose stanno per cambiare: è decisa infatti a dirgli tutta la verità e baciarlo, per legarlo a lei e per vivere accanto a lui una vita fatta di piena felicità nelle profondità del mare.
Peccato che il nemico sia sempre dietro l'angolo, e questa volta assume le sembianze di Quince Fletcher, l'odioso vicino di casa di Lily che non perde occasione di tormentarla...

Semplicità, freschezza, senso dell'umorismo, ironia: Il bacio della sirena è tutto ciò.
La trama è piuttosto semplice e lineare, senza particolari colpi di scena, ma ciò che colpisce di questo romanzo è innanzitutto la protagonista. Lily è buffa, maldestra, impacciata, isterica... è un pieno di emozioni, un mare in tempesta, uno tsunami! Lily è ossessionata dall'amore per Brody, dell'idea che si è fatta di lui e non di come è in realtà. E questo è il motivo principale delle sue disavventure e dei suoi battibecchi continui con Quince. E' impossibile non affezionarsi a lei!
Il mondo sottomarino poi è un concentrato di originalità: non aspettatevi le solite sirene che passano il loro tempo a cantare e ad acconciarsi i capelli, ma sirene che mangiano sushi con le bacchette, che vanno in motoscìa e che partecipano a feste di ogni sorta e genere, vivono in case riccamente decorate e dormono in lussuose conchiglie. Thalassinia è un luogo da sogno, grazie anche al padre di Lily, Re Palombo, che sa guidare il suo popolo con saggezza e autorevolezza. Non mancheranno le occasioni in cui lo stesso Re scommetterà addirittura su sua figlia e sui suoi sentimenti, non per imporle il suo volere, ma perchè capisce fino in fondo sua figlia, più di quanto lei riesca a capire se stessa.
L'elemento amoroso è presente, ma è trattato in un modo completamente nuovo e per niente banale.
Una lettura piacevole e veloce (non si impiega molto a leggere questo romanzo), che consiglio a tutti quelli che vogliono liberare la mente per qualche ora e, perchè no, anche a fare due risate in compagnia di Lily e delle sue avventure.