domenica 24 febbraio 2013

RECENSIONE: Divergent di Veronica Roth

Aaah, lo so lo so, sono imperdonabile, non ditemelo! >.< Dopo avervi assillato per ben due settimane di seguito scompaio - puff - abbandonando il blog a se stesso.
E' stata una settimana dura, durissima: il secondo semestre è iniziato, e così i nuovi corsi da seguire. I professori sono uno il contrario dell'altro, non sanno nemmeno loro quello che vogliono, e ritornare dopo due mesi a svegliarsi presto la mattina e cercare di seguire le lezioni fino alle 17.30 non è facile. Inoltre questa settimana il mio pc è andato KO un'altra volta. -.-"
D'accordo, forse tutto questo non vi interessa. xD
Ma mi faccio perdonare con le recensioni degli ultimi due libri letti e qualche rubrica, okay?! *^* I post di questa settimana sono tutti programmati perchè non potrò portarmi il pc dietro, ma vi seguirò comunque con il mio super-cellulare! Non avete scampo.
Let's go!


Titolo: Divergent
Titolo originale: Divergent
Autore: Veronica Roth
Data di uscita: 22 Marzo 2012
Editore: DeAgostini
Pagine: 480
Prezzo: € 16.90
Una scelta può cambiare il tuo destino. Dopo la firma della Grande Pace, Chicago è suddivisa in cinque fazioni consacrate ognuna a un valore: la sapienza per gli Eruditi, il coraggio per gli Intrepidi, l'amicizia per i Pacifici, l'altruismo per gli Abneganti e l'onestà per i Candidi. Beatrice deve scegliere a quale unirsi, con il rischio di rinunciare alla propria famiglia. Prendere una decisione non è facile e il test che dovrebbe indirizzarla verso l'unica strada a lei adatta, escludendo tutte le altre, si rivela inconcludente: in lei non c'è un solo tratto dominante ma addirittura tre! Beatrice è una Divergente, e il suo segreto - se reso pubblico - le costerebbe la vita. Non sopportando più le rigide regole degli Abneganti, la ragazza sceglie gli Intrepidi: l'addestramento però si rivela duro e violento, e i posti disponibili per entrare davvero a far parte della nuova fazione bastano solo per la metà dei candidati. Come se non bastasse, Quattro, il suo tenebroso e protettivo istruttore, inizia ad avere dei sospetti sulla sua Divergenza...

My rolling thought
«Ogni fazione condiziona i suoi membri a pensare e agire in un certo modo. La maggior parte delle persone si adegua. Per loro non è difficile imparare, acquisire uno schema di pensieroche funziona e attenersi a quello per sempre.» Mi tocca la spalla sana e sorride. «Ma le nostre menti si muovono in dieci direzioni diverse. Noi non possiamo essere confinati in un solo modo di pensare, e questo terrorizza chi detiene il comando. Significa chenon possiamo essere controllati. Significa che qualunque cosa facciano, noi creeremo sempre problemi.»
Nel mondo post-apocalittico in cui Beatrice vive la società è divisa in cinque fazioni, ad ognuna delle quali corrisponde una determinata virtù. Beatrice è un'Abnegante ed ha 16 anni, questo significa che presto dovrà decidere in una cerimonia formale a quale fazione appartenere per il resto della sua vita. Prima di affrontare questa importante scelta però, tutti i ragazzi devono sottoporsi ad un test che li indirizzerà verso la fazione più adatta al proprio modo d'essere. Beatrice non si è mai sentita un'Abnegante fin nel profondo del suo cuore come invece è tutta la sua famiglia, e il risultato del suo test non fa altro che confermarlo: Beatrice è una Divergente, ovvero ha in sè le diverse attitudini e virtù degli Abneganti, degli Intrepidi e degli Eruditi. Questa sua natura Divergente è vista come un pericolo dal resto della società, pertanto Beatrice deve tenerla segreta ad ogni costo. Dopo molte indecisioni, la ragazza sceglie di entrare nella fazione degli Intrepidi; la attende un percorso difficile, fatto di prove da superare al limite della sopportazione fisica e psicologica per diventare un membro della fazione a tutti gli effetti e per non finire tra gli Esclusi, ovvero tra coloro che hanno fallito l'addestramento. Ma Tris è pronta a tutto, anche ad affrontare le sue paure più grandi.


Desideravo, bramavo, sognavo di leggere Divergent da tantissimo tempo. Gli ottimi commenti in rete e le recensioni più che positive mi hanno portata più volte a chiedermi "Ma perchè cavolo non ho ancora letto questo romanzo?!". Ora, dopo averlo letto, mi chiedo: "Ma perchè cavolo non l'ho letto prima questo romanzo?!" Divergent mi è più che piaciuto e me ne sono resa conto quando, nemmeno dopo due ore, avevo già divorato più della metà del libro. Non è stata la storia o l'idea di base del libro, non è stato lo stile di scrittura della Roth a farmi innamorare e a tenermi incollata alle pagine: sono stati i personaggi, Tris e Quattro, ma anche la mamma di Tris, Christina, Peter, Uriah, Al e tutti gli altri, dal primo all'ultimo, nel bene o nel male, a far palpitare il mio cuore.
La trama, seppur in fin dei conti abbastanza semplice e un pò prevedibile nell'evolversi della vicenda, ha comunque delle ottime idee di base e qualche colpo di scena disseminato qua e là completamente inaspettato.
La suddivisione sociale presente in ogni distopico, in Divergent, si basa principalmente sulle caratteristiche comportamentali di ogni persona: ci sono gli Abenganti, la fazione di nascita di Tris, costituita da coloro che dedicano la propria vita agli altri e che mettono da parte ogni forma di celebrazione personale; gli Intrepidi, coraggiosi e irresponsabili, che dedicano la loro vita alla protezione dei confini; gli Eruditi, dediti alla conoscenza e al sapere; i Pacifici, la fazione più mite tra le cinque; ed i Candidi, coloro che non possono mai mentire e che sono fin troppo sinceri. L'idea di adottare questa suddivisione sociale mi è piaciuta tantissimo: in ogni persona c'è un solo tratto dominante e attorno ad esso si concentra tutta la sua esistenza. Per me è assolutamente impensabile, oltre che impossibile, pensare di appartenere ad una sola di queste fazioni: dentro di me convivono insieme i tratti degli Intrepidi, degli Eruditi, dei Candidi e dei Pacifici [degli Abneganti non credo, no... forse un pochino], così come Tris e la sua natura Divergente.
Nonostante la sua Divergenza, Tris sente di appartenere davvero agli Intrepidi e la sua metamorfosi si compie pagina dopo pagina: da una Beatrice Abnegante confusa, indecisa e contraddittoria, si trasforma in una Tris Intrepida, forte e determinata. Per me è stato facile immedesimarmi con lei, i suoi pensieri e le sue emozioni: perchè non riesce ad essere altruista come Caleb, suo fratello maggiore? Perchè non riesce a pensare prima al bene di qualcun altro e non al suo? Il suo non è egoismo, è solo una natura multisfaccettata presente in ogni essere umano e che il resto della sua società tende ad eliminare per l'uniformità.
Ma Divergent non è solo questo: è anche tanta azione ed un pizzico di romanticismo. Durante l'addestramento, Tris imparerà a maneggiare armi e pugnali, ad elaborare strategie, ad essere e pensare come una vera Intrepida, ad affrontare le sue paure più grandi in simulazioni talmente credibili da sembrare persino reali. Lungo tutto questo percorso la Divergenza di Tris si farà sentire sempre di più, più debole durante gli allenamenti corpo a corpo e sempre più forte nelle prove psicologiche, tanto da attirare l'attenzione di Quattro, uno dei due istruttori che segue il percorso degli iniziati "trasfazione".
Le ultime pagine del libro sono un concentrato di azione e adrenalina, una lotta contro il sistema appena accennata che - presuppongo - sarà il nucleo centrale di Insurgent.
Alla fin fine sono contenta di aver letto Divergent solo ora perchè non dovrò aspettare molto per Insurgent! Tris e Quattro hanno fatto battere il mio cuore in un modo unico especiale, esclusivo, come solo pochi altri personaggi sono riusciti a fare. Rischierei di essere noiosa ripetendolo ancora una volta, ma il mio amore per loro due è grandissimo.
Come cavolo farò ora a togliermi Quattro dalla testa?! D:


★ ★ ★ ★ ☆
Awesome! :D

28 commenti:

  1. Risposte
    1. Io l'ho fatto attendere fin troppo; mi è piaciuto proprio tanto tanto. *-*

      Elimina
  2. Togliersi Quattro dalla testa è impossibile.
    Impossibile. *^*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo in pieno, cara Lenah!
      Ho ancora in testa la scena di quando lui e Tris si ritrovano nella sua simulazione, incastrati tra le pareti. *^*

      Elimina
  3. Bella recensione!! E poi il libro sembra moooooooooooolto interessante!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alic. ^_^
      Se ti piacciono i distopici ti consiglio proprio di leggerlo. :D

      Elimina
  4. *A* ma è vero! Perchè cavolo non l'hai letto prima?! XD Scherzo v_v
    Io l'ho adorato tantissimo :) ho proprio adorato tutto! Dalla società ai personaggi... e io di sicuro non mi vedrei nè Abnegante nè Candida... forse Erudita... o Pacifica! All'inizio pensavo che gli Intrepidi fossero pazzi XD poi però l'idea dello scenario della paura mi ha colpita nel profondo... quanto mi piacerebbe attraversare il mio :'D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Haha, Deni, io e questo libro abbiamo una storia "particolare": ogni volta che entravo in libreria attivava il suo richiamo "attira-Veronica", ma ora per un motivo ora per un altro, non l'ho mai preso. Il giorno in cui mi sono decisa non c'era più... tutte le copie erano finite. O.O
      Ma ora l'ho letto e ne sono entusiasta. *^*

      Io non so se avrei il coraggio di attraversare il mio scenario della paura... ma sono comunque curiosa di conoscerla! Gli Intrepidi mi sono piaciuti tanto; Uriah l'ho trovato simpaticissimo. :D

      Elimina
  5. Ma che bella recensione, socia ♥
    Sono super contenta che ti sia piaciuto, ma d'altronde non avevo proprio dubbi. E' un romanzo che si fa amare ed anche piuttosto bene. A me è piaciuta un sacco, oltre alla storia originale e ingegnosa in se e per se, l'evoluzione che ha subìto Tris durante tutta la lettura. E' stata una cosa awesome!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ronnie tu hai sempre ragione. :*
      Tris è stata magnifica: la sua evoluzione si fa sentire in ogni singola pagina e, come ho già detto, è stato facile per me entrare in sintonia con lei e condividerne i pensieri non propriamente "abneganti".
      E poi vogliamo parlare di Quattro?! Meglio di no, rischierei di affogare nella mia stessa bava [mmm... questa immagine non è molto carina, no].

      Elimina
  6. Appena ho visto l'anteprima del post sono corsa a leggerlo anche solo per sentir parlare di nuovo di Tris e Quattro! Inutile dire che ho adorato ogni pagina di questo libro e come te sono rimasta completamente rapita dal carisma dei personaggi! Speriamo di poter leggere presto il seguito ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni occasione è buona per riportare alla luce l'amore che abbiamo provato per certi personaggi. <3
      Come te aspetto impazientemente Insurgent, spero che la DeAgostini non ci faccia penare troppo! >.<

      Elimina
  7. Libro bellissimo e recensione anche ;-) Io l'ho letto da un po' ma continuo ad aspettare con ansia di avere tra le mani il seguito per ritrovare i personaggi che mi avevano tanto conquistata ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lorenza! Divergent ha fatto proprio una strage di cuori, eh?! (;
      Non so come siate riuscite ad aspettare tutto questo tempo Insurgent senza dare di matto... io l'ho letto solo la settimana scorsa e bramo per il seguito!!

      Elimina
  8. Bella recensione! :DD
    Cavolo, devo riuscire a leggere Divergent presto! E' da tantissimo in wishlist!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho scritto ad Alic più su, se ti piacciono i distopici, non fartelo sfuggire e leggilo al più presto! È un libro appassionante. <3

      Elimina
    2. Lo leggerò sicuramente presto! :)

      Elimina
  9. sono così felice che ti sia piaciuto!!! per me Divergente è stato diciamo il primo distopico e ha un posticino speciale nel mio cuore!!! Amo quattro ma anche Tris, una protagonista forte come ce ne sono poche!!! bellissima la scena nel parco divertimenti vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E come dimenticare la caccia al tesoro *-* In questa scena già mi ero perdutamente innamorata di Tris e Quattro!!
      Davvero bello bello bello, più ci penso e più me ne innamoro. <3

      Elimina
  10. Bella recensione!! :D Questo libro mi ispira da tanto!! *-* Devo assolutamente leggerlo! :D
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. ^_^
      Pensavo di essere l'unica a non averlo letto, ormai, ed ho scritto questa recensione più per me che per voi (per fissarmi bene nella mente cosa ho provato) ma sono contenta di esservi stata d'aiuto. :D

      Elimina
  11. Bellissima recensione** sono contenta che Divergent ti sia piaciuto tanto^^ io ovviamente rimango nella mia fedelissima posizione da bastian contrario e devo confessare di non averlo amatoxD E' stata una lettura carina ma nulla più -e alcune cose proprio non mi andavano giù. Ahime, i miei gusti difficili .__. Confido molto in Insurgent cmq[:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sei la mia pecora nera preferita quindi continua pure a scrivere tutto quello che vuoi, positivo o negativo che sia. :D

      Ho scoperto che Insurgent uscirà verso Giugno... aspettiamo aspettiamo. :3

      Elimina
    2. Ahaha, grazie<3
      Davvero?? Che bella notizia*-*

      Elimina
  12. Leggerò questo libro per rubarti Quattro!!! *risata perfida* Ahahah -.-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. +.+
      Staremo a vedere. Guardati le spalle.

      Elimina
  13. Io non l'ho letto, dovrei iniziarlo a breve ** Tutte recensioni molto positive per questo romanzo :D

    RispondiElimina

thank u.
i love reading your rolling thoughts.♡