venerdì 19 luglio 2013

RECENSIONE: Caccia alle fate e Senza fine di Kierstin White

La la la. 
Oggi post programmato perchè sono a Roma con la mia mammina, yeee, ma vi lascio comunque la doppia recensione dei due capitoli che concludono la serie Paranormalcy di Kiersten White. Purtroppo la prima non è molto positiva principalmente perchè non sono riuscita ad entrare in sintonia con la protagonista - Evie - fin dall'inizio, nonostante io ce l'abbia messa tutta; la seconda è abbastanza positiva, ma comunque un pò combattuta. >.< Fatemi sapere se avete letto questa serie e se vi è piaciuta, perchè pare che sia tra le pochissime persone - se non l'unica - a cui non ha... convinto tanto, ecco.

Titolo: Caccia alle fate
Titolo originale: Supernaturally
Autore: Kiersten White
Editore: Giunti Y
Data di uscita: 25 Luglio 2012
Pagine: 432
Prezzo: € 12.00
E' difficile avere una vita normale quando si ha il dono di riconoscere gli esseri sovrannaturali al primo sguardo. Ma Evie, dopo tante bizzarre avventure, vuole provare a vivere davvero come ogni ragazza della sua età. Questa nuova esperienza però si rivela da subito noiosissima e così, quando l’Agenzia Internazionale per il Contenimento del Paranormale le offre di tornare a lavorare, Evie coglie l’occasione al volo. Ma dopo una serie di missioni disastrose, non è più sicura di aver fatto la scelta giusta. A sciogliere ogni dubbio e a scombussolare il suo cuore tormentato arriva Reth, che riappare dal nulla in tutta la sua sfavillante bellezza fatata. Il suo ex, perfido e insidioso, è tornato per portarle devastanti rivelazioni sul suo passato e l’inquietante notizia di un’imminente battaglia fra le corti delle fate. Una guerra che può far precipitare nel caos l’intero mondo del sovrannaturale, e in cui Evie sembra avere un ruolo fondamentale: lei è davvero troppo speciale per essere normale.

My rolling thought
L'unica vita che voglio è quella insieme a te.
Dopo aver trascorso sedici anni della sua vita a lavorare per l’Agenzia Internazionale per il Contenimento del Paranormale tra creature sovrannaturali di tutti i tipi in compagnia del suo taser rosa, Evie ora è pronta per affrontare la sua nuova vita. Una vita semplice ma emozionante, fatta di piccole cose e in compagnia del suo amore, che la ragazza ha atteso per tantissimo tempo e in cui non deve più dare la caccia a creature mostruose e rivoltanti. Ben presto però le sue aspettative vegono deluse, la sua nuova vita non è come l'ha sempre immaginata: la scuola, il lavoro, la lontananza di Preston sono troppo per lei; l'essere una Figlia del Vuoto e i sogni in cui le compare Vivian non sono d'aiuto, la buttano giù di morale, e per questo, quando se ne ripresenta l'occasione, decide di ritorne a lavorare per l'Agenzia, in attesa di capire che direzione prendere per trovare finalmente la felicità.

Caccia alle fate... okay, a distanza di un anno ho deciso di riprendere in mano la serie di Kiersten White in vista dell'uscita dell'ultimo volume. Forse ricorderete che Paranormalmente non mi era piaciuto abbastanza per via di Evie, una delle protagoniste più insopportabili in cui mi sia mai imbattuta, ma, siccome non mi piace lasciare le cose a metà, ho deciso (con una certa dose di sadismo) di continuare perchè, ehi, forse il bello deve ancora venire. A malincuore però devo dire che neanche Caccia alle fate mi è piaciuto. Il problema? Evie, solo ed unicamente Evie. Per me lei è un grande problema: non riesco a farmi piacere un libro se non sopporto dal principio il/la protagonista. 
In Paranormalmente il più grande desiderio di Evie era quello di poter condurre una vita normale, come quella della sua serie televisiva preferita o comunque come quella di qualuque altra ragazza della sua stessa età. Ora che è riuscita ad andare via dall'AICP, il suo desiderio si è finalmente realizzato: va in una normalissima scuola, lavora in una tavola calda frequentata principalmente da creature paranormali, condivide la stanza con la sua amica vampira Arianna con una grande passione per la moda, ed ha un ragazzo, Preston - paranormale che lei stessa ha liberato dalla prigionia all'interno dell'Agenzia -, che la ama e che farebbe di tutto per lei. Ma ben presto Evie si rende conto che il lavoro alla tavola calda non fa per lei e che tutto è piatto e noioso, quindi decide di ritornare a lavorare per l'Agenzia quando se ne ripresenta l'occasione, ma dopo una missione andata male si pente anche di questa scelta. Cambiare idea è più che legittimo, ma Evie pecca più volte di immaturità e leggerezza, secondo me. Si lamenta in continuazione e non fa nulla, nulla!, per cercare di risolvere le situazioni in cui lei stessa si caccia, e questo è davvero davvero strano per una ragazza che ha una grande abilità nel combattere e nel catturare paranormali pericolosi in missioni difficilissime, a detta dell'autrice.
Anche la trama è piatta e noiosa, tutto è incentrato su Evie, sui suoi problemi, sulle sue indecisioni, sui suoi bip e sui suoi complessi. Gli altri personaggi sono pressochè inesistenti: Reth fa solo una piccolissima comparsa e Preston è troppo occupato con la sua vita al college per stare dietro ad Evie (frasi ad effetto come "ti amo", "sei solo mia", "non mentirmi mai più", "non nascondermi nulla", a parte). La White però sopperisce a questa mancanza con Jack, un nuovo personaggio cresciuto con le fate che ha la capacità di utilizzare i loro percorsi e che quindi accompagna Evie nei luoghi delle sue missioni. Purtroppo però l'ironia di cui è stato dotato questo personaggio e il suo continuo comparire nelle situazioni meno probabili non rende affatto la storia più frizzante e divertente, se si è già stati sepolti vivi dalle continue lamentele di Evie.
In Caccia alle fate mi sarei aspettata una qualche svolta innovativa o coinvolgente - come da titolo - o comunque una protagonista più matura e seria, nonostante le mie aspettative non fossero già altissime. Una volta conclusa la lettura mi sono chiesta cosa mi era rimasto di quello che avevo appena letto. La risposta è stata: niente, il vuoto più assoluto. Si, perchè secondo me questo secondo volume non ha motivo di esistere, la storia si poteva benissimo limitare ad un centinaio di pagine che potevano essere aggiunte o alla fine di Paranormalmente o all'inizio di Senza fine. L'idea di mostrare l'altra faccia della medaglia, la vita che Evie ha sempre desiderato, messa in contrapposizione alla vita all'interno dell'Agenzia non è male, ma è stata tirata troppo per le lunghe e l'effetto che si è creato è stato quello di una storia lunga e noiosa, di cui si poteva fare benissimo a meno.
Forse sono stata un pò dura in questa breve recensione, ma mi viene una certa rabbia quando mi ritrovo a leggere un libro di occasioni sprecate o comunque in cui tutto si poteva risolvere in pochissime pagine. Due stelline, non riesco a dare di più.

★ ★ ☆ ☆ ☆
Meh. :/

Titolo: Senza fine
Titolo originale: Endlessly
Autore: Kiersten White
Editore: Giunti Y
Data di uscita: 29 Maggio 2013
Pagine: 432
Prezzo: € 14.50
Nonostante gli innumerevoli tentativi di vivere una vita normale, Evie, la ragazza che ha il dono di vedere i mostri e gli esseri sovrannaturali, non riesce proprio a fare a meno di cacciarsi neiguai. Inaspettatamente, l’Agenzia Internazionale per il Contenimento del Paranormale la richiama per una missione importantissima e, come se non bastasse, Evie scoprirà di essere la presceltaper salvare da un oscuro destino il mondo degli umani e quello del sovrannaturale. Un ex fidanzato fata, un’amica vampiro e un drago che fruga nella spazzatura sono solo alcune delle vecchie e nuove conoscenze che accompagneranno Evie nella sua ultima, rocambolesca, indimenticabile avventura. Per fortuna lo splendido vestito da sera regalatole dal ragazzo più bello dell’universo paranormale si intona perfettamente al suo inseparabile taser rosa!

My rolling thought
Mi girai verso Vivian, sentendomi allo stesso tempo veloce e lenta, calda e fredda, come se tutto quel che era e che sarebbe stato accadesse in quel preciso istante, come se nulla e tutto contasse e io fossi al centro di ogni cosa...
Dopo gli eventi che l'hanno agitata in Caccia alle fate, Evie si è arresa alla prospettiva di avere una vita normale come quella che ha sempre desiderato. Il suo potere è così grande e fondamentale per la salvaguardia degli esseri paranormali e degli esseri umani stessi che ben presto si ritrova a dover fare i conti con una nuova difficile missione e a prendere delle scelte molto combattute, che mettono in gioco non solo la sua stessa vita ma anche quella di tutte le altre creature. Percorrendo i sentieri delle fate insieme a Reth, Jack e Preston, Evie si ritroverà quindi a passare dalla corte della Regina Nera a quella della Regina Bianca, venendo a conoscenza della loro storia e quella di tutti i paranormali delle loro rispettive corti...

Dopo la delusione di Caccia alle fate, ho deciso di non leggere subito Senza fine ma di dedicarmi ad altre letture in attesa che la mia me-lettrice si riappacificasse con la White e decidesse di prendere in mano il capitolo conclusivo della serie. Con un pò di titubanza e di timore, mi sono approcciata alla lettura di Senza fine e... non l'ho odiato come credevo! Cavolo Kierstin, cosa ti è successo? Sei riuscita a non farmi odiare il tuo ultimo libro! Questa è stata una bella sorpresa e sono rimasta contenta di non aver sofferto molto la lettura come invece mi era successo in precedenza. Ora però non voglio farvi credere che la storia migliori tutta in una volta, ma è certamente più godibile, 'accattivante' ed apprezzabile rispetto il volume precedente. La trama in Senza fine si risolleva, riesce a coinvolgere un pò di più il lettore nelle vicende grazie ad una trama un pò più ricca di azione, che non si concentra più sempre e solo su una Evie ormai 'piatta-noiosa-e-prevedibile', ma ampia la lente di ingrandimento anche su altri personaggi come Reth, Arianna, Jack e le due Regine delle rispettive corti fatate, che fino ad ora non hanno goduto di molto spazio per agire e mettersi in mostra. Tutti sono presi un pò più in considerazione, in particolare la caratterizzazione di Reth, Arianna e Jack è più accurata e le loro debolezze, paure, insoddisfazioni, mi sono arrivate di più rispetto i volumi precedenti. Sono riuscita ad inquadrarli meglio e ad apprezzarli sinceramente di più come invece non avevo fatto prima. Anche la Regina Bianca e la Regina Nera assumo un aspetto e dei tratti più delineati, ci vengono finalmente presentate dettagliatamente e con maggior chiarezza, così come la loro storia e i loro obiettivi.
Sono riuscita ad apprezzare maggiormente anche lo stile dell'autrice, che - indubbiamente - si è presentato fin dall'inizio molto veloce e scorrevole, nonostante sia presente ancora qualche scivolone per quanto riguarda Evie e il suo personaggio, essendo la narrazione presentata sotto il suo punto di vista. Oh, Evie, con lei non è stato per niente amore a prima vista, ma nonostante tutti i bip, il suo taser e la sua passione per il rosa, in questo ultimo volume una piccola metamorfosi c'è. Sono ancora presenti una certa frivolezza, un certo egoismo, pensieri non del tutto condivisibili e scambi di battute non proprio piacevoli, ma tutto sommato è apprezzabile il piccolo cambiamento che è avvenuto in lei.
Concludendo la recensione di questi due romanzi, mi sento di dire che alla fin fine le idee della White - se si accantonano un attimo Evie e il modo in cui è stata sviluppata e distribuita la trama lungo tutto l'arco dei tre libri - non sono male: un'Agenzia che combatte creature pericolose, un vasto assortimento di creature paranormali, una ragazza in grado di riconoscere il loro vero aspetto sotto la facciata di copertura che assumono e un grande potere che non è in grado di gestire. Purtroppo la frivolezza e la leggerezza che accompagnano questi libri non fanno per me e mi sento anche in dubbio se consigliarvi o meno questa serie. Prima di arrivare a leggere un libro 'buono' si deve prima passare per un libro 'ni' e uno 'decisamente no', e forse chi non possiede molto spirito di volontà e sopportazione getterebbe il primo libro fuori dalla finestra dopo nemmeno 50 pagine, con tutta la mia comprensione. Mi sento quindi di consigliare questa serie solo alle più giovanissime o a coloro che non ne hanno mai abbastanza di storie di questo tipo.
Il mio voto per questo libro è un pò strano ma rispecchia nel modo più chiaro possibile ciò che ne penso. >.<

★ ★ ¾ ☆ 
Not totally bad. ^^

8 commenti:

  1. devo leggere anch'io questi due libri ma parto già con basse aspettative quindi eviterò delusioni, mi aspetto una lettura piacevole e divertente ma nulla di più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ultimo è il migliore, secondo me. ^_^
      Passerò a leggere le tue recensioni perchè sono curiosa di sapere cosa ne penserai!

      Elimina
  2. Paranormalmente mi era piaciuto, l'avevo trovato originale e estremamente divertente. Possiedo "Caccia alle fate" ma non l'ho ancora letto. Ho letto recensioni negative e non so se voglio rovinarmi il bel ricordo che avevo. Ci dovrò meditare sopra. A questo punto, leggendo la tua recensione, credo che "Caccia alle fate" attenderà ancora un bel po'.
    Passa da me se ti va, baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono partita male fin dall'inizio, nel senso che Paranormalmente non mi era piaciuto tanto. :/
      L'ultimo è il volume che mi ha convinto di più: non mi sono annoiata più di tanto e Evie non mi ha irritato troppo; Caccia alle fate invece non si regge. -.-"
      Passo non appena posso. ((:

      Elimina
  3. Penso che non inizierò mai questa serie perché ho sentito commenti parecchio negativi. Ma comunque adoro le cover di tutti e tre i libri *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non posso non appoggiare questa tua decisione: me ne è "piaciuto" 1/3 e ti consiglio di non perderci tempo se non ti ispira dall'inizio LOL

      Elimina
  4. Ma te l'ho mai detto quanto mi piacciono queste tue multi-recensioni? Con tutti i volumi di una trilogia, duologia o quant'altro(:
    Paranormalmente non è mai entrato nella mia wl, ne ho sentito parlare bene ma nulla che andasse oltre a "è un romanzo carino, niente di che". E ora dopo la tua recensione credo proprio lo lascerò agli scaffali della libreria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha ha, grazie En :* è un modo "simpatico" per smaltire le recensioni (sssh, non dirlo in giro!); no vabbè, mi pare inutile fare più post post separati per una serie - o più libri di una stessa serie - che leggo tutta di seguito. ^_^

      Come ho scritto, mi sento in difficoltà nel consigliare o meno questa serie: non mi ha entusiasmato troppo, il secondo libro non si "regge", ho trovato Evie odiosa, ma non è detto che non possa piacere. Maaaaa... sapendo i libri che ti piacciono direi... no, non la leggere LOL

      Elimina

thank u.
i love reading your rolling thoughts.♡