sabato 24 agosto 2013

RECENSIONE: Shades of Life di Glinda Izabel

Glinda, questo post è tutto per te. 
E anche per voi, fantastici-lettori-divora-libri che leggete i miei papiri e che non vi annoiate nel farlo!

Titolo: Shades of Life
Autore: Glinda Izabel
Data di uscita: 31 Maggio 2013
Editore: Fazi Editore
Prezzo: € 1.99
Solo formato ebook
Juniper Lee potrebbe concedersi ogni lusso. Potrebbe viaggiare senza preoccuparsi di avere una destinazione, abbandonarsi a ogni sorta di eccesso senza temere ripercussioni. Ma non c’è nessun bene materiale che possa distrarla dalla solitudine che la divora, perché Juniper è un spettro intrappolato in una dimensione dai contorni indefiniti. Il suo cuore non batte realmente, e tutto di lei – i suoi respiri, i suoi sorrisi, le lacrime che spesso le solcano le guance, sono solo l’eco di una vita ormai lontana. Juniper è sola e non possiede alcun ricordo. L’unica memoria che sollecita la sua mente, sin da quando si è risvegliata nella sua nuova forma spettrale, è quella di un nome. Il suo. Unica eredità della ragazza che doveva essere stata un tempo. Eppure, nonostante sembri non esserci nulla a legarla al mondo dei vivi, Juniper non riesce a seguire il raggio di luce che potrebbe aprirle le porte dell’aldilà. Quando alla sua porta si presenta Logan, attraente ragazzo dallo sguardo scintillante, tutto per lei si tinge di nuovi e abbaglianti colori. Logan è diverso dagli altri spettri, è come se in sé nascondesse qualcosa di unico, che l’attrae in modo irresistibile.

My rolling thought
« Logan Greenwood, cavaliere part-time al suo servizio. » « Juniper Lee, damigella di spose spettrali e di cavalieri a tempo perso. »
Juniper Lee è una ragazza-morta, così come la chiama sempre Adelaide, la vocina interiore che le parla da quando si è risvegliata come fantasma. Juniper non ha nessun ricordo della sua vita passata, tranne il suo nome, e trascorre le giornate in una piccola libreria di Savannah, il Reader's Delight, tra storie d'amore e di avventura fatte di carta e inchiostro. Ma ci sono giorni in cui la solitudine si fa sentire di più, e Adelaide non la lascia mai da sola. Juniper non capisce perchè non riesce ad "andare oltre", a lasciarsi dietro il luogo della sua vita mortale per varcare le soglie del Paradiso; apparentemente, non ha più nessun legame con la Terra. E poi, un giorno, Juniper incontra Logan. Gli occhi del ragazzo si posano su di lei, lui riesce a vederla. Logan riesce a riaccendere in Juniper quella piccola fiammella che sembrava ormai spenta per sempre. Ma insieme a Logan, nella vita di Juniper faranno la loro comparsa anche strane visioni di una vita passata, quella del ragazzo che è stato capace di farle battere di nuovo il cuore. Insieme all'amore, Logan porterà le ombre di una vita passata e a lungo rimasta sopita nei meandri della memoria di Juniper.

Sapete che non riesco a leggere gli ebook. E' più forte di me: salto le parole, le righe, mi annoio subito e quindi li lascio a metà, non-letti e abbandonati al loro destino nei meandri del mio cellulare (non ho neanche un e-reader, tra l'altro). Ma SOL dovevo proprio leggerlo, me lo sono imposto, perchè seguo Glinda da tanto tanto tempo ma non sempre commento; seguo il suo blog e ciò che scrive e fa da dietro le quinte, ma sempre e comunque, e per ringraziarla di tutto ciò che fa per noi volevo scrivere una bella recensione per il suo primo romanzo. E poi certo, ero curiosissima di leggerlo... come non si può non esserlo? Quindi Glinda, vorrei che tu sapessi che il tuo è uno dei pochi - pochissimi - libri in versione ebook che abbia mai letto. Merito un premio per questo.
Però come spesso mi succede per i libri che non vedo l'ora di leggere, devono prima passare una buona manciata di mesi perchè io prenda coraggio e mi decida a farlo. Deve semplicemente arrivare il loro momento, ecco. Nel frattempo ne ho lette di tutti i colori, dal nero più brutto e scuro, al rosso più vivo e appassionato: SOL è troppo romantico, zuccheroso e prevedibile; SOL è dolcissimo, da batticuore ed emozionante.
E poi ci sono io, forse un pò troppo cinica e acida per leggere SOL, ma per una volta volevo lasciarmi andare anch'io ad una storia d'amore tutta arcobaleni, zucchero filato ed unicorni. Volevo proprio farlo, leggere e farmi battere il cuore, immaginare nella mia mente da sogna-lettrice l'amore tra Juniper Lee e Logan, e lasciarmi andare alla deriva cullata dalle parole di Glinda. E quindi ho letto SOL un pò alla volta, di sera tardi, al buio, circondata dalle coperte e dai cuscini e con la mia immancabile cagnolina vicino.
Ho amato - ed amo tuttora - SOL, Adelaide, Juniper Lee e Logan, la loro storia e il loro amore. SOL è uno di quei libri che vuoi o non vuoi ti rimane sotto pelle, per tutte le sensazioni, le emozioni e tutte le altre bellissime cose che una storia o un libro riesce a regalarti e farti provare, incondizionatamente e inaspettatamente. Mi sono lasciata vagare tra le strade ed i cimiteri di Savannah, in compagnia del bellissimo Logan, la dolcissima Juniper e l'irriverente Adelaide. Ho percepito, toccato e respirato i loro sentimenti, le loro emozioni, le loro paure e le loro speranze. Mi sono lasciata andare semplicemente all'amore, quello puro e incondizionato, quello così forte da non smettere mai di essere o di esistere, che ti raggiunge anche quando pensi che non possa più farlo, quello che supera la fine più definitiva di tutte. Al di là dei personaggi, della storia e dello stile di Glinda, SOL mi è piaciuto perchè mi è arrivato al cuore, ed amo quando un libro riesce a fare questo. E per certi versi mi è arrivata anche lei, Glinda: la conosco solo nella sua veste di lettrice-blogger, ma ho percepito la Glinda-persona, dolce e appassionata, con una sfumatura un pò malinconica. Non prendetemi per matta, ma è davvero così.
Ho avvertito solo un pò la mancanza di tutto il resto, di una Savannah descritta in modo più ampio e completo e di altri personaggi secondari che si alternassero nelle vicende di Logan e Juniper, ma capisco anche i limiti imposti dal concorso - che sono davvero un limite, perchè SOL sarebbe stato più che perfetto se lasciato crescere un pochino di più.
Io non so come Glinda ci sia riuscita, ma ha dato vita a dei personaggi fantastici. Juniper è dolce e adorabile, con i suoi vestiti inondati di merletti e pizzo e i suoi libri polverosi; Logan è un ragazzo perfetto, dai modi galanti e cavallereschi, con quel pizzico di irriverenza che lo rende irresistibile; e Adelaide, la voce-interiore-migliore-amica-immaginaria della ragazza-morta, che fa sentire la sua voce al granello di polvere Juniper quando più si sente persa, sola e sconfitta. Sono personaggi incantevoli, di cui non ci si accorge immediatamente della loro complessità, ma man mano che le pagine scivolano via tra le dita emergono tutte le loro e più complesse sfaccettature e sfumature.
E poi Glinda scrive in un modo fantastico e perfetto. Le sue parole cullano davvero e arrivano dritte dritte all'angolino più nascosto del cuore, quello che teniamo per noi e in cui non facciamo entrare nessuno. SOL è un romanzo che celebra l'amore puro e i sentimenti più semplici che un essere umano è capace di provare: amore, odio, felicità, tristezza, gioia, paura, serenità, malinconia, consapevolezza...
Capisco il motivo per cui a molti non è piaciuto. Se SOL si fosse concentrato unicamente sull'aspetto amoroso e sulle parole dolci di Logan a Juniper neanche a me sarebbe piaciuto, ma sono le cose non scritte, quelle che comprendi solo a fine lettura e i brividi che si provano nel durante che mi hanno fatto amare SOL. SOL è una piccola meraviglia, una piccola musica - come il suo nome abbreviato - eterea e leggera, una ninna nanna, che ti fa provare milioni e milioni sfumature di sentimenti.
Eh boh, semplicemente grazie Glinda per aver condiviso con noi la tua storia.

Possa l'amore eterno risplendere attorno a te come come un milione di soli.

★ ★ ★ ★ ½
Awesome! :D

*coff coff* ehm... no, non ho ancora finito! SOL è uscito solo in versione ebook, ma tutti noi lo vogliamo in pagine e inchiostro, non è vero? Per poterlo sfogliare, rileggere ed amare ancora una volta e ancora di più. Quindi vi invito con modi piuttosto gentili e carini a firmare la petizione. Se lo fate, vi do un biscottino. Firmate, diamine!!

Click here.

10 commenti:

  1. Bellissima recensione Vero *-*
    Anche io ho adorato SOL e ci ho trovato un pezzetto di Glinda dentro :') sono proprio orgogliosa!

    p.s. con gli e-reader gli ebook diventano meno malvagi v.v fidati <3

    RispondiElimina
  2. Mi è piaciuto ma purtroppo non mi ha fatto emozionare tanto quanto avrei voluto :(

    RispondiElimina
  3. Oh che bella recensione Veronica *w*
    Anche io ho amato SOL ed è vero dentro si può trovare parte di Glinda e tutto ciò è fantastico!
    Come ha detto anche Deny, con gli e-reader diventa davvero meno faticoso leggere gli ebook e alla fine ti abitui ;)
    Un bacio

    RispondiElimina
  4. Bellissima recensione!! :)
    Anche a me è piaciuto molto, anche se avrei volto un pò più di azione!!

    RispondiElimina
  5. Io non l'ho letto, ma ho comunque firmato la petizione, perché sono assolutamente pro cartaceo! Mi sono iscritta al tuo blog e lo adoro *^* continuo a leggere i tuoi post, sei bravissima, complimenti! :D

    RispondiElimina
  6. È davvero un disonore per me non averlo ancora letto, ma credo lo leggerò d'inverno e mi scalderà il cuore. Perciò spero quel periodo arrivi presto o Glinda potrebbe uccidermi çwç
    Awesome review Vero, sempre toccanti, precise e belle :) love u, x

    RispondiElimina
  7. Spero davvero che esca in versione cartacea perché mi piacerebbe davvero molto leggerlo!

    RispondiElimina
  8. E io cosa posso dire? Sono qui che sorrido come una scemotta e mi appunto le frasi più emozionanti della tua recensione, rendendomi conto che ho appuntato la recensione intera. Posso dirti che sei favolosa e che le tue parole mi hanno fatta sentire nuovamente felice di aver scritto SOL? Be' io lo dico, poi fai tu.
    Perché, sì, a volte mi capita di pensare di non aver fatto abbastanza, di non essere sufficientemente capace per poter navigare in queste acque. Poi, però, leggo una recensione così e i commenti che ne conseguono (vi amo ragazze) e mi dico: "dai, avrei potuto fare di meglio, ma guarda quanti cuori ho toccato! E' questo che conta." Ed è vero, per me non c'è nulla di più importante.
    Meriti davvero un premio per aver letto SOL in versione ebook *va a preparare una cheesecake* <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Glindina (?), io ringrazio tantissimissimo te per aver scritto SOL, essere riuscita ad emozionarmi così tanto - e ce ne vuole - e per aver letto le mie parole che *di sicuro* non sono all'altezza di tutto ciò che ho provato leggendo il tuo romanzo.
      Credo che quando una persona è capace di toccare tanti cuori così in profondità è perchè ama quello che fa e ci mette tutta se stessa e tu, di stanne certa, sei questo tipo di persona. Ti meriti tutte le parole e le cose più belle di questo mondo e dell'universo.
      Sono super-curiosa per il tuo prossimo romanzo; so già che lo amerò tantissimo. ♡

      Elimina

Grazie! Risponderò presto al tuo commento. (◠﹏◠✿)