lunedì 21 ottobre 2013

RECENSIONE: Tenebre e Ghiaccio di Leigh Bardugo

Buon lunedì a tutti. ^_^
Oggi la settimana per la vostra cara (?) Veronica non è iniziata nel migliore dei modi - in effetti anche il weekend non è finito nel migliore dei modi. Oltre a sentire un gran freddo anche se poi, in effetti, tanto freddo non fa, non sono dell'umore adatto e quando non sono dell'umore adatto non sono quel tipo di persona che si abbatte e si mette in un angolino (beh, questo lo faccio solo quando raggiungo il culmine), ma fa tremilamilioni di cose e diventa più testarda di prima. Quindi, ecco a voi un'altra recensione.

Titolo: Tenebre e Ghiaccio
Titolo originale: Shadow and Bone
Autore: Leigh Bardugo
Editore: Piemme Freeway
Data di uscita: 15 Ottobre 2013
Pagine: 288
Prezzo: € 17.00
La grande nazione di Ravka è divisa in due dalla Distesa delle Tenebre, un varco di oscurità impenetrabile popolata da mostri feroci e affamati. Alina Starkov è sempre stata una buona a nulla, un’orfana il cui unico conforto è l’amicizia del suo solo amico, Malyen detto Mal. Eppure, quando il suo reggimento viene attaccato dai mostri e Mal resta ferito, dentro di lei si risveglia un potere enorme, l’unico in grado di sconfiggere il grande buio. Immediatamente la ragazza viene arruolata dai Grisha, l’elite di maghi che, di fatto, manovrano anche lo zar, capeggiati dall’affascinante mago Oscuro. Ma niente alla sontuosa corte è ciò che sembra e Alina si ritroverà presto ad affrontare sia le tenebre che minacciano il regno, sia quelle che insidiano il suo cuore.


My rolling thought
«Solo tu ed io.» «Davvero?» «Siamo sempre tu ed io, Alina.»
Alina è un'orfana che, assieme al suo migliore amico Mal e altri bambini, è cresciuta nella casa di un ricco benefattore. Ora lei è un'apprendista cartografa e lui un cercapiste del Secondo Esercito. I loro gruppi vengono scelti per attraversare la Distesa delle Tenebre, una fascia di terra avvolta completamente nell'oscurità e popolata dai volcra, esseri alati senza vista che riescono ad avvertire la presenza di esseri umani di cui si cibano uccidendoli nei modi più brutali. Molti hanno perso la vita attraversando la Distesa delle Tenebre, ma Alina non può tirarsi indietro nonostante la grande paura. Quando Mal viene attaccato da un volcra, Alina, per proteggerlo e senza rendersene conto, sprigiona una luce accecante che fa dileguare le tenebre e i mostri. In seguito a questo episodio, l'Oscuro si rende conto che Alina è una Grisha con poteri unici e speciali: lei è una Convocatrice del Sole, la persona che tutta Ravka ha sempre aspettato per abbattere definitivamente la Distesa. 

Forse non sapete che aspettavo di leggere Shadow and Bone da più di un anno ormai. Più il tempo passava e più la data della sua pubblicazione sembrava non voler sbucare fuori da nessuna parte, tant'è che mi ero quasi convinta a leggerlo in lingua. Ma poi eccolo qui, Tenebre e Ghiaccio viene pubblicato e io non potevo non leggerlo immediatamente. Durante tutto il tempo che ho aspettato, ho caricato questo romanzo di aspettative altissime, forse troppe e troppo alte, forse ho fatto male perchè potevo rimanerne delusa... ma no, direi proprio di no: come mi aspettavo, Tenebre e Ghiaccio mi è piaciuto moltissimo!
Il solo fatto che Leigh Bardugo abbia scelto di ambientare la sua storia in Russia, una terra fatta di ghiaccio, magia, miti e leggende, mi fa letteralmente impazzire perchè è un'ambientazione diversa del solito e che, a ben pensarci, può offrire tantissimi spunti unici e originali. E la storia della Bardugo è unica e originale, sicuramente e completamente diversa da ogni cosa io abbia letto fino ad ora. Quello che mi ha colpito in particolare non è stato lo svolgimento della storia, che amo sia ben chiaro!, ma la cura nei dettagli che l'autrice ha avuto nel creare il suo mondo. Apparentemente può sembrare tutto molto semplice, ma in realtà non lo è e lo dimostra il fatto che appena iniziata la lettura sono andata un attimo in confusione tra tutti i nomi dei luoghi menzionati, le diverse tipologie di Grisha e i termini in russo. Purtroppo anche nell'edizione di Tenebre e Ghiaccio non è stata mantenuta la cartina e mi trovo a ripetere, ancora una volta, che è un vero peccato: in questi tipi di romanzi la cartina deve essere presente, è un arricchimento che ci permette di seguire visivamente il viaggio compiuto dai personaggi, in questo caso da Alina, Mal e tutti gli altri, e senza ci si sente un pò spaesati. Fortunatamente, abbiamo uno specchietto riassuntivo che ci permette di inquadrare fin da subito tutte le tipologie di Grisha e le loro peculiarità senza confonderli, ma saremmo comunque stati in grado di fare ciò attingendo dalle informazioni che la Bardugo stessa ci dà nel suo romanzo: essi infatti sono distinguibili l'uno dall'altro a seconda del colore delle loro vesti, che può andare dall'azzurro, al rosso, all'argento e infine al nero, colore, quest'ultimo, riservato solo ed esclusivamente all'Oscuro. Insomma, procedendo nella lettura si riesce a prendere confidenza con la nazione di Ravka e le sue usanze e tutto diventa più chiaro e famigliare. E' impossibile non venire risucchiati dall'ambientazione di questo libro perchè l'autrice ci fa respirare Russia ad ogni pagina! Sono tantissimi i termini in russo che utilizza, alcuni facilmente comprensibili, altri un pò meno, e questi piccoli dettagli mi hanno fatto apprezzare ancora di più ciò che stavo leggendo.
A controbilanciare questa ricchezza di dettagli, c'è una storia semplice ma allo stesso tempo interessante, coinvolgente e davvero molto molto originale. La Bardugo non si perde in chiacchiere inutili, ci racconta quello che deve senza svelare troppo e con uno stile diretto e ben bilanciato, mai troppo descrittivo e che riesce fin da subito a coinvolgere nell'azione. Ciò che ho notato è che noi leggiamo ciò che vede Alina. Mi spiego meglio: Alina è un personaggio che non "vede tutto", nel senso che non si sofferma ad osservare con attenzione ogni singola cosa, ma coglie solo quei piccoli particolari o quei dettagli che la colpiscono di più e che per lei, come per noi, rappresentano una novità. E' piacevole leggere cosa passa nella testa di Alina perchè è un personggio molto introspettivo e ogni cosa che fa o che pensa è ragionata, riflettuta, ogni singolo evento scatena in lei tantissimi pensieri, molte volte contrastanti. Inoltre, viene descritta come una ragazza normalissima: non si vede bella ma nessuno le dice il contrario in ogni occasione possibile e non riesce a richiamare i suoi poteri immediatamente, ma solo dopo un lungo e difficile allenamento. E' un personaggio per certi versi estremamente reale, non come molte altre protagoniste/eroine che a volte sono talmente perfette da sembrare quasi surreali. Il suo rapporto con Mal è bellissimo, loro due insieme sono davvero dolci, dolci come possono esserlo due amici di infanzia che dopo essersi allontanati si ritrovano. Non so se chiamare triangolo quello che la Bardugo ad un certo punto mette in gioco e non so nemmeno se verrà ripreso in seguito ma l'Oscuro non mi ispira poi così tanta fiducia, nonostante sia un personaggio interessantissimo e credo ancora da scoprire bene sotto ogni suo aspetto.
Per questo primo volume della serie non avrei potuto aspettarmi e chiedere di meglio ma ci sono ancora tantissime cose da scoprire e da leggere che non vedo l'ora di poter avere Siege and Storm. L'avrò già detto mille milioni di volte, ma Tenebre e Ghiaccio mi è proprio piaciuto ed essere appagati dopo aver concluso un libro è una bellissima sensazione.

★ ★ ★ ★ ☆
Awesome! :D

6 commenti:

  1. Sono felice che ti sia piaciuto :D Anche perchè l'ho ordinato e sto aspettando che mi arrivi, se avessi letto una recensione negativa ci sarei rimasta alquanto male XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. LOL :3
      Per questo io non leggo mai le recensioni prima di leggere un libro (alcune volte vedo solo il voto) perchè se ordino un libro e poi leggo che non è piaciuto ci rimango male ancor prima di iniziarlo!

      Elimina
  2. Ciao Veronica!! Non posso credere che mi ero persa la tua recensione!
    Ho rimediato subito u.u
    Anche io ho letto questo libro (ho postato la rec domenica, se non sbaglio) e mi è piaciuto moltissimo, condivido ogni tua parola! L'ambientazione è originalissima e l'ho adorata, così come la Bardugo è riuscita a farmi affezionare ad i personaggi ed amare la storia!
    Alina è una ragazza normale, con i suoi alti e bassi, nonostante le mille e più aspettative che si ritrova sulle spalle ed l'Oscuro è assolutamente affascinante e confesso che mi ha spezzato il cuore! Mal all'inizio mi era leggermente antipatico, o meglio, non mi sapeva di niente. Poi si è ripreso e con la lettera finale è riuscito persino a strapparmi qualche lacrimuccia!
    Insomma, bello bello davvero! Non vedo l'ora di leggere il seguito, anche se dovrò aspettare perché la brossura in inglese uscirà a giugno se non sbaglio :/
    Mi dispiace che nell'edizione italiana non ci sia la mappa, è un vero peccato :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, è un gran peccato che tutti quei bei dettagli dell'edizione in lingua non sono stati mantenuti anche per la nostra. :/
      Anche a me Mal ha iniziato a piacere da un certo punto in poi, ma l'Oscuro non riesco proprio a digerirlo. XD Non so, è un personaggio interessante e secondo me c'è ancora molto da scoprire, ma per il momento mi tengo un pò a distanza. u.u

      A proposito di recensioni perse, ho appena scoperto che il tuo blog ha cambiato URL. Devo rimadiare. é_è

      Elimina
  3. Non vedo l'ora di leggerlo, lo ammetto *___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggilo leggilo. u.ù
      E poi facci sapere cosa ne pensi. :D

      Elimina

thank u.
i love reading your rolling thoughts.♡