lunedì 8 dicembre 2014

RECENSIONE: Anna and the French Kiss, Lola and the Boy Next Door e Isla and the Happily Ever After di Stephanie Perkins

(ノ◕ヮ◕)ノ*:・゚✧ sono in fissa con questa simpatica faccina da diversi mesi ormai, quindi permettetemi di salutarvi in questo modo - ma anche perché si addice benissimo ai libri di cui vi parlerò fra poco-pochissimo.
Una piccola aggiunta non prevista, ma che dovevo scrivere da qualche parte perché non riesco a tenermela dentro e devo condividerla con il mondo: STO RIDENDO VERSO L’INFINITO E OLTRE. No, non è pazzia-da-tesi, ve l’assicuro! Rido perché mi sono completamente passati di mente i BCA e, come l’hanno scorso, mi sono ritrovata in due categorie. °-° *how curious* Non mi sento per niente una brava recensitrice (ew) né in qualche modo originale (?), tantomeno sono qui a chiedere voti - ew again, political campagnes scare me; solo grazie, di nuovo, a tutti coloro che si sono presi il disturbo, niente di più. ♥

My rolling thought

Anna and the French Kiss, Lola and the Boy Next Door e Isla and the Happily Ever After sono i tre libri companion della serie Anna and the French Kiss scritta dalla fantastica, unica e meravigliosa Stephanie Perkins. Da noi, il primo libro (e si spera anche gli altri due) sarà prossimamente pubblicato dalla DeAgostini con il titolo Il primo bacio a Parigi. Non sono certa della data di pubblicazione, ma alcune fonti [x, x] riportano Gennaio 2015.

REAZIONE POST-LETTURA A Isla and the Happily Ever After: I need so bad a fourth book in Anna and the French Kiss series by Stephanie Perkins.

Anna and the French Kiss [ENG]
di Stephanie Perkins
“Mademoiselle Oliphant. Si traduce ‘Point Zero delle strade della Francia.’ In altre parole, è il punto dal quale tutte le altre distanze della Francia sono misurate.” St. Clair si schiarisce la gola. “E’ l’inizio di tutto.” Alzo lo sguardo. Sta sorridendo. “Benvenuta a Parigi, sono lieto che tu sia venuta.”
Quando non si è preparati psicologicamente alla lettura di un libro che poi si rivela fantastico, è una bella sensazione. Quando si è preparati psicologicamente alla lettura di un libro che tutti declamano come fantastico e che poi si rivela fantastico e meraviglioso, è una sensazione sconvolgentemente fantastica e meravigliosa. Anna and the French Kiss è sconvolgentemente fantastico e meraviglioso. Costretta dal padre a frequentare l’ultimo anno di liceo a Parigi, una non-troppo-entusiasta Anna si ritrova a doversi lasciare alle spalle per un anno la sua famiglia, la sua migliore amica e il suo fidanzato. Quello che non sa, però, è che a Parigi la aspetta qualcosa di davvero speciale. La trama di per sè non ha nulla di originale, ma Stephanie Perkins lo è, lo è! E da una trama semplice e al limite dello scontato, riesce a tirare fuori nuvole di zucchero filato e polvere di stelle. Parigi non è una tra le mie mete preferite, ma la Perkins riesce a far percepire tutta la sua magia, come se si arrivasse quasi ad afferrare il vero significato che si nasconde dietro le parole “città dell’amore”. E questo è possibile anche grazie ad Anna e St. Clair, che farebbero vomitare sul serio arcobaleni ad un pony. Anna è una ragazza semplice, divertente, ironica, intelligente; Ètienne *sospiro* accento inglese: mi avete già persa. [“Ètienne,” dice. “Vivo al piano di sopra.” “Io vivo qui.” Indico intontita la mia camera mentre la mia mente cerca di processare: Nome francese, accento inglese, scuola americana... Anna confusa.”] Al contrario di come si potrebbe pensare, Anna non perde subito la testa per Ètienne, non c’è l’insta-love, perché Anna è Anna, e io la adoro per questo. Ma, nonostante tutto, non si vede l’ora che arrivi quel dannato french kiss del titolo, quello che preannuncia già come andranno a finire le cose, ma che comunque non fa star più nella pelle, che non si vede l’ora di leggere.

Lola and the Boy Next Door [ENG]
di Stephanie Perkins

Da Parigi a San Francisco, dalla compagnia di Anna ed Ètienne a quella di Lola e Cricket. Città diversa, personaggi diversi, ma i libri di Stephanie Perkins continuano ad essere libri speciali, che attraggono verso le loro pagine raccontando storie così semplici e comuni ma al tempo stesso così belle e originali. Nonostante non ci sia più una Parigi quasi incantata a fare da sfondo alle vicende, la storia di Lola è ugualmente da batticuore, seppur si discosti molto dagli altri due libri della serie. Quello che mi ha colpito di più in Lola and the Boy Next Door è la capacità di Stephanie Perkins di creare personaggi fantastici che nelle loro particolarità risultano veri, reali, con tutti i difetti del mondo. Ho adorato tantissimo Lola - tanto quanto Anna - per essere una ragazza totalmente fuori dagli schemi, unica, frizzante, che esprime la sua personalità ogni giorno vestendosi in modo diverso ed eccentrico senza curarsi troppo delle reazioni  e dei commenti altrui; ho adorato la sua fantastica famiglia, i suoi due meravigliosi padri e la relazione che hanno tra di loro. E ho adorato Cricket - tanto quanto Ètienne -, vittima dell’odio (im)motivato iniziale di Lola. Anche lui *sospiro* ah, Stephanie Perkins, mi vuoi morta. Cricket è a d o r a b i l e, il ragazzo della porta accanto, un po’ timido e un po’ riservato, che quando si affaccia alla finestra per parlare con Lola fa letteralmente vedere le stelle. Lola and the Boy Next Door è sorrisi da tutte le parti.
C’era una volta una ragazza che parlava alla luna. E lei era misteriosa e perfetta, nel modo in cui lo sono le ragazze che parlano alla luna. Nella casa affianco, viveva un ragazzo. E il ragazzo guardava la ragazza diventare sempre perfetta e più perfetta, bella e più bella ogni anno che passava. Lui guardava lei guardare la luna. E iniziò ad immaginare se la luna potesse aiutarlo a rivelare il mistero della bella ragazza. Così il ragazzo guardò il cielo. Ma non riuscì a concentrarsi sulla luna. Era troppo distratto dalle stelle. E non importava quante canzoni o poesie fossero già state scritte su di loro, perché ogni volta che pensava alla ragazza, le stelle risplendevano più luminose. Come se fosse lei a mantenerle così. Un giorno, il ragazzo dovette trasferirsi. Non poteva portare la ragazza con lui, così portò le stelle. Di modo che, guardando fuori dalla finestra di notte, avrebbe iniziato con una. Una stella. E il ragazzo avrebbe espresso un desiderio, e il desiderio sarebbe stato il suo nome. Al suono del suo nome, la seconda stella sarebbe apparsa. E poi avrebbe desiderato il suo nome ancora, e le stelle si sarebbe raddoppiate in quattro. E quattro otto, e otto sedici, e così ancora, nella più grande equazione matematica che l’universo avesse mai visto. E un’ora sarebbe passata, il cielo sarebbe stato riempito di così tante stelle che avrebbe svegliato il vicinato. Le persone avrebbero pensato chi avesse acceso i riflettori. Il ragazzo. Pensando alla ragazza.

Isla and the Happily Ever After [ENG]
di Stephanie Perkins
Una tela bianca… ha possibilità illimitate.
Con Isla e Josh si ritorna a Parigi, nella School of America in Paris. Non sapevo davvero cosa aspettarmi da questo terzo - e ultimo - libro dal momento che è il terzo e ultimo libro, e vede come protagonisti Isla e Josh, due personaggi che compaiono (anche se marginalmente) già in Anna and the French Kiss. La differenza con Lola and the Boy Next Door sta proprio in questo: mentre Lola e Cricket erano due completi sconosciuti, con Isla e Josh avevo già avuto a che fare, e qualche piccola idea prima di iniziare il libro già ce l’avevo. Avevo una voglia tremenda di conoscere meglio Isla… ma Josh ce l’avrebbe fatta nel ruolo di personaggio maschile principale? Ebbene sì, *Veronica e le sue inutili preoccupazioni*. Ormai Stephanie Perkins ha la mia fiducia incondizionata, anche se dovessi ritrovarmi a leggere un suo appunto per l’appuntamento con il parrucchiere. La storia di Isla e Josh è ancora diversa da quella di Anna ed Ètienne, e Lola e Cricket; ciò che la contraddistingue è un certo grado di maturità. Non che le altre due storie siano frivole, ma qui si nota maggiormente e credo che l’intento della Perkins sia stato proprio questo, sottolineare la crescita dei suoi personaggi, di tutti i suoi personaggi. Isla e Josh si ritrovano così a dover affrontare problemi grandi - e sempre più grandi - tra scene che fanno letteralmente andare in overdose di zucchero, e dovranno trovare un modo per riuscire a salvare la loro storia. Isla è innamorata da sempre di Josh, ma Stephanie Perkins - che tu sia benedetta, donna - non ci fa tribolare l’anima nell’attesa che i due si mettano insieme leggendo pagine e pagine sulle fantasticherie di Isla, no! Isla e Josh si trovano quasi subito. Isla è davvero un bel personaggio: non la definirei timida, piuttosto tranquilla, ecco; e Josh si è rivelato un personaggio inaspettato, sul serio, non pensavo potesse nascondere tutti quegli assi nella manica! Inaspettato, Isla and the Happily Ever After è inaspettato.

Anna, Lola e Isla sono tre libri che, con facilità disarmante, sono entrati a far parte dei miei preferiti di sempre. Stephanie Perkins è una bravissima scrittrice, originale e con una sensibilità unica e fuori dall’ordinario. Questa serie è un qualcosa di schifosamente troppo meraviglioso, che fa andare in pappa il mio cervello riuscendo a fargli passare solo immagini con cuori, stelle, arcobaleni e pony.
Ho assegnato cinque stelline a tutti e tre i romanzi, quindi il voto finale è cinque stelline. Sono tutti e tre meravigliosi allo stesso modo, ma se dovessi stilare una classifica, corrisponderebbe esattamente alla sequenza dei libri: Anna, Lola e Isla. Non che uno sia meglio o peggio dell’altro, ma uno ha leggermente qualcosa in più rispetto all’altro che mi ha colpita.
Quello che ho scritto all’inizio è sempre valido: ho-bisogno-di-un-quarto-libro. O di una mini-novellina su un fatto in particolare. Stephanie Perkins, ti prego, scrivimi un libro ambientato a, quanto?, due? Cinque? Dieci anni di distanza da Isla and the Happily Ever After? Ti-supplico.

★ ★ ★ ★ ★
Wonderful. *^*

18 commenti:

  1. Sono ancora a Anna and the French Kiss, ma conto di leggere Lola and the Boy Next Door il prima possibile ;)
    La serie mi sta piacendo e lo stile della Perkins mi ha conquistato <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona lettura allora. *w* Questi libri sono fantastici e la Perkins adorabile, concordo!

      Elimina
  2. Meritatissima la finale del BCA!! *^* e anche se non commento sempre, quando sono in cerca di ispirazione per libri in lingua, passo sempre di qui fidati!! :*
    Anna and the french kiss è in wish *^*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aw, grazie mille Leda. *w*
      Spero riuscirai a leggere presto Anna e che possa piacerti. c:

      Elimina
  3. Ma perfetto ♥ Ed io così non impazzisco a leggermi milioni di recensioni spaiate ^^ E qui le ho tutte :P Sai... io sono una tra le poche che ancora deve iniziarla, questa serie :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 3 in 1, prego. XD
      Anche per te spero riuscirai a leggere almeno Anna, perché meritano. *w*

      Elimina
  4. Ti dirò la verità, avevo già sentito parlare di Anna and the French Kiss, ma credevo che fosse un libro dalla trama scontata e, dalla copertina, di un genere che a me davvero non piace (a volte giudico i libri dalla copertina, sì). Però leggendo la tua recensione mi sono ricreduta *^* sembra davvero un bel libro con dei bei personaggi quindi credo che ci farò un pensierino *^*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le trame, in tutta sincerità, non hanno nulla di originale, ma la Perkins scrive benissimo e tutti i suoi personaggi sono particolareggiati e diversi l'uno dall'altro. Ti consiglio di farci un pensierino. ^w^

      Elimina
  5. Ho letto per ora solo
    Anna and the french Kiss e l'ho adorato!! ♥♥♥ Devo assolutamente leggere al più presto anche gli altri due (sono già nella lista dei libri da farmi regalare a Natale!!) ! Non vedo l'ora di immergermi di nuovo nei romanzi della Perkins, amo il suo modo di raccontare storie d'amore magiche e delicate! *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se Anna ti è piaciuto, amerai anche Lola e Isla. *w* Ogni volta che verranno nominati Anna e Ètienne, ah, *tanti cuoricini*.

      Elimina
  6. Stephanie, mi unisco anche io all'appello, scrivici un dannatissimo seguito!
    Vogliamo una reunion, una seconda trilogia ambientata al college, qualsiasi cosa, purché non si smetta di parlare di Anna, Lola e Isla <3
    Parte la petizione xD "Salviamo gli arcobaleni, salviamo le protagoniste della Perkins"

    ps Josh è stata una bellissima sorpresa <3 pensavo che non sarei riuscito a perdere la testa per lui, e invece...
    Però tranquillo Etienne, tu mantieni il primato <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ALLORA NON SONO L'UNICA CHE VUOLE QUEL DANNATO *QUALCOSA* SU QUEL *QUALCOSA*

      PS: sì, Ètienne, stai tranquillo, eh.

      Elimina
  7. Ahhhh ancora devo leggere Isla! E' li li che mi aspetta, verde verde, carino carino ^^
    Il mio preferito in assoluto è Lola and the boy next door.
    E' la storia più reale forse, quella che ho sentito maggiormente. *aaaawwww Cricket Bell*
    Etienne è dolce come uno zuccherino ma devo ammettere che Anna non mi è mai piaciuta troppo. Sembra un pò troppo scesa dalle nuvole! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nuooo, Anna non ti è piaciutaaa?? Io l'ho adorata, così come ho adorato Lola. *^*
      Devi assolutamente recuperare Isla e arrivare alla fine!! *-----*

      Elimina
  8. Aaaw per ora ho letto solo Anna e l'ho adoraaato *__* Troppo teneroso! Ho già pronta Lola però eheh, non vedo l'ora! E anche Isla mi ispira moltissimo, anche se ho sentito molti dire che è il meno bello dei tre, e ammetto che anche io ho qualche piccolo dubbio su Josh come protagonista, ma comunque so che la Perkins non mi deluderà! *O*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmm, nella mia classifica personale Isla è al terzo posto, ma non lo definirei "meno bello"! Il fatto è che negli altri due ho trovato qualcosa in più che mi ha fatto andare ancora di più fuori di testa, ma anche Isla merita tantissimo. *w*

      Elimina
  9. Quanto adoro la Perkins! ♥ ♥ In pochi sanno scrivere storie così tenere e pucciose senza risultare diabetiche, questa scrittrice è stata la mia rivelazione del 2014! *w*
    Ora non mi resta che concludere l'anno con Isla e non vedo l'ora di ritrovare tutti i personaggi, si prospettano grandi cose super coccolose!
    Mi unisco anche io alla petizione! Avanti, che mondo sarebbe senza la Perkins?? :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io spero che la Perkins scriva qualcos'altro - qualunque cosa - perché io devo leggerla, ne ho bisogno. XD
      Buona lettura allora, sono convinta che non rimarrai delusa! *w*

      Elimina

thank u.
i love reading your rolling thoughts.♡