venerdì 13 marzo 2015

RECENSIONE: All the Bright Places di Jennifer Niven

GOOD EVENING 
La recensione di oggi è della serie STRANGE REVIEW FOR AN AWESOME BOOK. Siccome la copertina dell'edizione italiana mi piace tantissimo (però preferisco sempre quella originale perché READ THE BOOK!), vi lascio anche una mini-anteprima con i relativi dati:

RACCONTAMI DI UN GIORNO PERFETTO
di Jennifer Niven
Editore: DeAgostini (31 Marzo 2015)
Pagine: 415
Prezzo: € 14,90
È una gelida mattina d’inverno quella in cui Theodore Finch decide di salire sul tetto della scuola solo per capire che cosa si prova a guardare di sotto. L’ultima cosa che si aspetta però è di trovare qualcun altro lassù, in bilico sul cornicione. Men che meno Violet Markey, una delle ragazze più popolari del liceo. Eppure Finch e Violet si somigliano più di quanto possano immaginare. Sono due animi fragili: lui lotta da anni con la depressione, lei ha visto morire la sorella in un terribile incidente d’auto. È in quel preciso istante che i due ragazzi iniziano a provare la vertigine che li legherà nei mesi successivi. Una vertigine che per lei potrebbe essere un nuovo inizio, e per lui l’inizio della fine…

All the Bright Places [ENG]
di Jennifer Niven

Editore: Knopf (6 Gennaio 2015)
Pagine: 388
Prezzo: € 12.00
Theodore Finch è affascinato dalla morte, e pensa costantemente a modi in cui potrebbe uccidersi. Ma ogni volta, qualcosa di buono - non importa quanto piccolo - lo ferma. Violet Markey vive per il futuro, conta i giorni che le separano dal diploma, quando potrà lasciare l'Indiana e il dolore che la morte di sua sorella ha portato. Quando Finch e Violet si incontrano sul ciglio della torre della scuola, non è chiaro chi salva chi. E quando sono messi in coppia per un progetto sulle "naturali meraviglie" del loro stato, sia Finch che Violet fanno importanti scoperte: è solo con Violet che Finch può essere se stesso - un ragazzo strano e divertente che non è poi così tanto strano -, ed è solo con Finch che Violet riesce a dimenticare di contare i giorni e iniziare a viverli. Ma mente il mondo di Violet cresce, quello di Finch inizia a contrarsi.


My rolling thought
You make me happy,
You make me handsome,
You make special,
You make me love you,
You make me lovely, and it's so lovely to be lovely to the one I love...
All the Bright Places è uno di quei libri che rimane con te anche dopo giorni e giorni che hai finito di leggerlo. Questo perché, indipendentemente dalla storia, dai suoi personaggi e di quanto possa essere meravigliosamente scritto, fa riflettere su una serie di argomenti - su un sistema che sembra fin troppo radicato nella mentalità delle persone - e porta a fare innumerevoli e concatenate considerazioni sulla vita umana, mettendo in discussione l’intero universo - l’intero tuo universo.
Quello che più mi ha colpito, quindi, è che, pur partendo da premesse di cui non è rarissimo leggere, non si vuole colpire il lettore con una storia strappalacrime, ma suggerire qualcosa di importante, dare qualcosa di importante, che ovviamente sarà colto in misura e in maniera diversa dalla sensibilità dell’io del lettore.
All the Bright Places è, in breve, la storia di Violet, una ragazza che impara a vivere di nuovo grazie ad un ragazzo che vuole morire, Finch.
E’ un tipo di storia che non si capisce bene dove vuole andare, come vuole svilupparsi; inizia e basta, e le sensazioni che si hanno si dividono tra la confusione e l’incombenza di un disastro imminente. Tutto si fa più chiaro nell’ultima sezione del libro, la più bella e la più forte, quella che dà letteralmente il colpo di grazia.
Fin da subito, Violet e Finch vengono presentati come due ragazzi incasinati, con dei problemi e delle rotture interiori che hanno bisogno di rimarginare. Il problema è che non sanno come fare, da chi farsi aiutare, se vogliono farsi aiutare. Sono circondati da un nulla arido e desolante, decisamente deprimente a dir la verità, e quando si trovano capiscono di non potersi mollare. La loro storia si snoda tra conversazioni che sembrano voler dire niente ma che alla fine significano tutto (credi che esista un giorno perfetto, che lo sia dall’inizio alla fine?) e luoghi luminosi che annientano i momenti bui.
I capitoli scritti dal punto di vista di Finch sono quelli che mi sono piaciuti di più. Lui è un personaggio davvero bello e interessante da leggere: è divertente e spontaneo, intelligente e irriverente; cerca e vede sempre il lato migliore delle cose, per lui la vita è un’avventura. E allora perché *vuole* morire? Non si capisce bene cosa non vada in lui, non viene mai specificato nel libro, ma è impossibile non rimanerne catturati, adorare tutte le sue personalità e soffrire con lui nei suoi momenti no. E’ come se diventassimo Violet: l’esperienza di vita di Finch diventa un modello per noi, uno stimolo a cercare giorno dopo giorno luoghi luminosi e accumulare giorni perfetti, dall’inizio alla fine, per arricchire la nostra vita. E anche se i capitoli raccontanti dal punto di vista di Violet non sono altrettanto affascinanti come quelli di Finch, riusciamo a capire che è possibile farlo perché lei l’ha fatto, riappropriandosi lentamente delle cose per cui per lei vale la pena vivere.
Anche se non si è aggiudicato il massimo dei voti da parte mia, All the Bright Places è una lettura che consiglio assolutamente. Mi piace quando con un libro riesco ad andare oltre ciò che è scritto, che mi fa capire, come in questo caso, di quanto siano dannose e inutili le etichette, di quanto possano far soffrire una persona e annientarla anche se da fuori sembra che sia tutto normale, che vada tutto bene; e di quanto sia importante chiedere aiuto, di non vergognarsi affatto, perché è la nostra vita, non quella degli altri, e nessuno deve osare distruggerla o intaccarla. La ricerca di luoghi luminosi e di giorni perfetti può essere un inizio.

★ ★ ★ ★ ☆
Awesome! :D

11 commenti:

  1. uh! che bella recensione....mi ispira tantissimo, penso che il 31 marzo mi fionderò in libreria....ihihih

    RispondiElimina
  2. Non vedo l'ora di leggerlo ed incontrare l'autrice a fine mese!! sto aspettando che mi arrivi :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ps. -> http://frannieinthepages.blogspot.it/2015/03/liebster-award-2015.html

      Elimina
  3. Ooooh :) Questo sembra proprio carino. E per una volta la copertina DeA mi piace! **

    RispondiElimina
  4. Sembra davvero bello! Finisce direttamente in wl!

    RispondiElimina
  5. Dopo che l'autrice ha iniziato a seguirmi ho iniziato a volere il libro ancora di più! La tua rece è bellissima, little luv <3

    RispondiElimina
  6. Sono una nuova lettrice del tuo blog e ti devo fare prima di tutto i complimenti, secondiariamente ti ringrazio per questa recensione perchè mi ha convinta a mettere questo libro nella mia lista dei "to read"! Un abbraccio. Claudia

    RispondiElimina
  7. Ciao Veronica! Commento che non c'entra nulla, ma era per dirti che ti ho taggata in questo post http://betweenrealityandrealms.blogspot.it/2015/03/liebster-award-2015.html

    RispondiElimina
  8. Ciao Veronica. Io e Firefly ti abbiamo nominato per la Liebster Award 2015, sperando che ti faccia piacere:)
    http://booksareinfinity.blogspot.it/2015/03/liebster-award-2015-premi.html

    RispondiElimina
  9. Heeeeey! So che sei in pausa, ma adoro il tuo blog perciò ti ho nominata al Liebster Award! Se ti va, mi trovi qui: http://robadafangirl.blogspot.it :3
    Prongs

    RispondiElimina
  10. Voglio troppo leggere questo libro *o* in italiano però! XD

    RispondiElimina

thank u.
i love reading your rolling thoughts.♡