martedì 22 novembre 2016

cartaceo VS ebook: Cosa ne penso?

Ciao a tutti ~
Oggi ho pensato di lasciarvi questo piccolo post per parlarvi della mia esperienza cartaceo VS ebook e scambiare pareri, opinioni e punti di vista con voi. Ho accennato qualcosina in post passati, ma non ho mai trattato questo argomento in modo preciso e ordinato, quindi mi sembrava carino creare questa opportunità per me e per voi. Ci sono già milioni e milioni di post-discussione attorno questa questione, ma ci tenevo comunque a rispolverarla per ri-parlarne insieme.


Fino a poco tempo fa rientravo nella tipologia di lettrice che No, ebook, vade retro. ereader, per me non esisti, sei un oggetto completamente inutile e senza senso. Ritorna da dove sei venuto, nelle profondità delle tenebre!” *aggiungere risata malefica*
Probabilmente - anzi, sicuramente - pensavo questo perché non avevo un ereader, quindi non avevo mai potuto rendermi conto in prima persona come fosse leggere un ebook. Il mio pensiero si basava per lo più su un pensiero astratto piuttosto che su un’esperienza vera e propria; in poche parole, non potevo accorgermi dei vantaggi che un oggetto del genere porta con sé perché non l'avevo mai provato. Sì perché, per quanto il libro cartaceo sia sacro e insostituibile, è inutile negare che un ereader non offra tutta una serie di possibilità in più al lettore.

Ecco il modo in cui l’avere un ereader (anche se io ho un iPad, ma questi sono *dettagli*) ha contribuito a rendere ancora più folle la mia vita da divoratrice di libri:
  • Non avendo un ereader, rimanevo sempre fregata quando volevo leggere novelle o libri pubblicati SOLO IN QUESTO FORMATO. Prima mi mettevo l’anima in pace e andavo avanti (perché leggere sul pc o sul telefono proprio no, grazie), ora il limite è l’infinito (?);
  • Magari ci sono quei libri cartacei andati FUORI CATALOGO di cui è reperibile solo la versione digitale. Come cavolo li leggo? :/
  • Il RISPARMIO ECONOMICO, che non è mai da sottovalutare. Spesso, in attesa di poter comprare un libro particolarmente costoso, mi consolo con l’ebook! :)
  • La VELOCITÀ. Sicuramente vi sarà capitato, un giorno, di voler leggere un libro in particolare ma di non averlo a portata di mano… ops, ‘acquista con un click’. “È successo da solo, io non c’entro niente!”;
  • Quando NON SO SE UN LIBRO PUÒ PIACERMI OPPURE NO leggo l’ebook così, se alla fine non mi è piaciuto, il danno è stato ridotto al minimo (spazio, soldi, tempo di attesa di arrivo del pacco o il tempo impiegato per raggiungere la libreria - okay, quest’ultima è pessima);
  • Odio i libri cartacei scritti in un FONT MICROSCOPICO perché non riesco mai-mai-mai a leggerli. Mi passa letteralmente la voglia di prenderli in mano, anche se sono libri che mi ispirano o so già che mi piaceranno. Purtroppo l’insofferenza verso il font batte la voglia di leggere il libro, e questo per me è sempre stato un vero problema! Un grosso, grossissimo problema! Con l'ebook, invece, si può regolare la grandezza;
  • Non mi “spaventa” leggere LIBRI LUNGHI, diciamo che quello che mi preoccupa di più è la loro mole: sono grandi, difficili da leggere e difficili da trasportare. Ho sempre letto libri lunghi - infatti spalle / braccia / schiena / collo ancora mi maledicono -, ma l’iPad è stata una vera e propria salvezza perché pesa niente e occupa niente;
  • Lo SPAZIO IN LIBRERIA. Ultimamente sto entrando nel meccanismo di leggere prima un libro in ebook e poi, se proprio mi è piaciuto tantissimo - ma proprio tantissimo, alla follia -, prenderlo cartaceo. Devo ancora perfezionarmi, ma posso farcela.
NOTA: Non so perché, ma mi sono resa conto di esser più veloce a leggere sull’iPad o.ò i wonder why!
Rimango sempre del parere che il libro cartaceo sia qualcosa di sacro, personale, perché ognuno di noi, ad esempio, può farlo più suo rendendo visibile la sua esperienza di lettura attraverso sottolineature, appunti a margine, foglietti lasciati qua e là tra le pagine, segnalibri per mettere in evidenza passaggi che sono piaciuti. Io non faccio queste cose, ma capisco la posizione di coloro che non riescono ad entrare nella concezione di come un ammasso di pixel possa essere paragonabile all’avere in mano un libro, sentirne il peso tra le mani e il profumo così famoso che per noi lettori è una vera e propria droga (ah ah ah!). Come si possono fare tutte queste cose con un ebook? Come sento l’odore delle pagine? Come mi rendo conto di quello che sto leggendo o che ho letto? Tutte domande legittime, alcune me le ponevo anche io!
E comunque, andrò sempre in visibilio per una bella edizione. Suvvia, ce ne sono alcune che sono delle vere e proprie opere d’arte, curate fin nei più piccoli e impensabili dettagli. Esempio: Illuminae di Amy Kaufman e Jay Kristoff. Come si fa a leggere un libro del genere in ebook? Io l’ho fatto ed è stata una pessima idea, il cartaceo è tutta un’altra cosa.
Per me ebook e ereader non sostituiranno mai e poi mai il libro cartaceo, ma ebook e ereader mi permettono di fare tutte quelle cose che vi ho elencato che prima non riuscivo a fare con il “solo” libro cartaceo come unica opzione. L’uno non sostituisce l’altro, quindi, ma si compensano a vicenda. :-)

Se non ho dimenticato nulla, questa è la mia esperienza / posizione cartaceo VS ebook. Non vedo l’ora di leggere i vostri commenti, quindi scrivetemi pure senza problemi cosa ne pensate di questa eterna sfida (?) e la vostra posizione in merito, qual è la vostra esperienza, come vi trovate meglio a leggere, se avete qualche punto in comune con me tra quelli che vi ho elencato… insomma, tutto ciò che potrebbe venirvi in mente o che avete da dire! :D Vi ringrazio per l'attenzione e vi saluto, BYE!

17 commenti:

  1. Ciao Veronica ❤
    Ho acquistato un ereader qualche annetto fa e da allora è iniziata la mia esperienza con gli ebook. Non mi dispiace affatto leggere i libri in digitale, anche se concordo con te sul fatto che non sostituiranno mai e poi mai il cartaceo. Ad oggi mi trovo molto bene, quando leggo con l'ereader non affatico gli occhi e anche a me sembra di leggere più veloce! Chissà perché...
    Consiglio a chi è scettico di provare, non si avrà lo stesso effetto del libro cartaceo, ma non è affatto male ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, esatto! Io non ho scritto l'ultima riga che mi hai lasciato nel commento, ma invito anche io tutti quanti a provare. :D Io ero la prima degli scettici ma dopo aver preso in mano l'iPad mi sono ricreduta!
      Provate, che non costa nulla. :3

      Elimina
  2. Ho iniziato a leggere eBooks da poco e no, è veramente terribile. Non ho il libro da accarezzare e fissare, rimuginando sulla scena appena letta. Non posso mettere le fascette colorate. Non posso annusare le pagine.
    Insomma, non mi regala alcuna gioia :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho scritto nel post, posso capire perfettamente la tua posizione. Avrai sicuramente dei libri meravigliosi, pieni di colore e di note. :3

      Elimina
  3. Io ero un po' insicura se acquistarlo o meno, perchè mi spaventava l'idea che potesse dar fastidio agli occhi...alla fine ho provato a comprarlo, e mi ci sono subito trovata benissimo, e infatti ora non potrei farne a meno, lo uso ormai da 3-4 anni.
    E anche io faccio come te, per i libri di cui non sono sicura al 100%, acquisto prima l'ebook, così risparmio soldi, e spazio (soprattutto!), e se poi mi è piaciuto tantissimo, prendo il cartaceo.
    Che comunque rimane insostituibile eh! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhm, io non ho mai pensato al fastidio agli occhi, a dir la verità... diciamo che mi sono concentrata più sul fatto di avere la possibilità di ingrandire il font anche a tutta pagina. XD

      Elimina
  4. Io preferisco sempre e comunque il cartaceo ma ho preso un kindle per due motivi. Il primo era leggere quei libri che sono solo in formato digitale, per l'appunto, e il secondo perché così posso comprare libri che voglio leggere ma di cui non farei i salti mortali per averli nella mia libreria.

    RispondiElimina
  5. Io tendo a distrarmi parecchio con gli ebook e quindi ci metto tipo il doppio del tempo a leggere. Mi sembra anche di perdere sempre il "segno" mentre leggo.
    Ho un tablet perché me l'hanno regalato per la laurea quattro anni fa, ma dove vivo io non sanno nemmeno cosa sia l'ADSL o il wi-fi - c'è più connessione internet a Narnia - quindi per me è impossibile sincronizzare i contenuti dell'app Kindle. Cioè, dovrei sempre andare ad elemosinare da qualcuno il wi-fi, specialmente da febbraio che sono disoccupata. Prima potevo portarmi il tablet al lavoro e in cinque minuti approfittare del loro wi-fi. Oppure dovrei convertire tutto e trasferire gli ebook con il cavetto USB dal computer al tablet e mi passa la voglia.
    Indubbiamente gli ereader hanno i loro vantaggi - e sono d'accordo con quelli che hai scritto - ma per me è una realtà impraticabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece mi distraggo più con il cartaceo, non so perché!
      Ah, cavolo :/ mi spiace della situazione, ma capisco perfettamente il tuo punto di vista e quindi della scomodità di un ereader per te.

      Elimina
  6. Ciao Vero! Avevo visto il post di sfuggita oggi tra una pausa e l'altra dello studio, ma non ero riuscita a commentare.. Eccomi ora! Io amo i cartacei, mi piace sottolineare a lapis leggero i passaggi che più mi hanno colpito e scrivere sulla prima pagina (sempre a lapis) la data in cui inizio la lettura. Mi piace vederli in libreria uno accanto all'altro e vedere l'effetto del tempo che passa sulle pagine che cambiano colore dopo anni dall'acquisto. Però trovo molto utili anche gli ebook. Comprai il mio fido kindle touch nel 2012 o 2013, se non sbaglio (ormai è addirittura uscito di produzione, anche se come modello io lo trovo perfetto: le pagine sono ad inchiostro stampato, quindi niente retroilluminazione ed è come un libro normale, ergo al buio non ci vedo un fico secco XD, giro pagina con un tocco sullo schermo e la batteria mi dura tantissimo). Concordo sui vantaggi che hai scritto e aggiungo anche questo: a me è stato molto utile quando ho iniziato a leggere in lingua e avevo costantemente bisogno di tradurre parole a me sconosciute. Cliccando sulla parola mi si apriva il dizionario (ok, nel mio avevo solo il monolingua per l'inglese, ma particolari) e il tutto era molto più veloce e immediato rispetto al cartaceo e alla necessità di andare a sfogliare ogni tre per due il mattone che ho a casa per vocabolario =D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valy! :D
      Io non faccio nulla sul libro cartaceo ma mi piace vedere le sottolineature e i foglietti colorati in mezzo alle pagine degli altri. :3 E poi sì, tutti affilati in libreria sono una meraviglia da vedere, ahahahah!
      Concordo sull'utilità dell'ereader nella lettura in lingua: io non ne ho parlato nel mio post perché non ho bisogno di queste funzioni, ma è un supporto notevole.

      Elimina
  7. Vero, io la penso assolutamente come te :3
    C'è da dire che quando ho scoperto gli ebook mi si è aperto un mondo v.v soprattutto dal punto di vista del risparmio a livello economico e della comodità. Io ormai puntualmente mi ritrovo a leggere molto più in digitale che in cartaceo. Andando a lavoro con i mezzi non esiste cosa più comoda! E spesso mi ritrovo ad avere lo stesso libro sul comodino e sul Kindle :P a volte leggo su Kindle anche se ho il cartaceo per il piacere di leggere al buio! Insomma i vantaggi ci sono ed è innegabile :D
    Poi anche io ormai, quando sono in dubbio, preferisco leggere in digitale e poi... proprio se mi è piaciuto tanto, penso ad acquistare il cartaceo v.v
    Ormai non penso che riuscirei a fare a meno del mio e-reader *o*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, dimenticavo! Vogliamo parlare del comodissimo dizionario eng-ita incorporato... che con le letture in lingua aiuta sempre? èwè
      Già solo questo non ha valore!

      Elimina
    2. oh, guarda! ora che sto fuori tutto il giorno, l'iPad mi salva davvero la vita *^* è piccolo e leggero, posso cacciarlo in qualunque situazione e in un secondo, posso mettermi a leggere in piedi mentre aspetto il treno o la lezione successiva. è una figata! con il cartaceo ho l'ingombro di dover usare tutte e due le mani, la paura di rovinarlo, e poi nella fretta mi casca e si sfascia pure. °-°
      Per il dizionario eng-ita ho appena risposto a Valy: è un supporto utilissimo, ma non ne ho parlato perché non ne ho bisogno.

      Elimina
  8. Concordo in toto.
    Anch'io all'inizio ero un po' titubante verso gli ereader, ma da quando l'ho preso (parecchi anni fa ormai) ne sono entusiasta. L'amore per il libro cartaceo resta sempre, ma la comodità dell'e-reader è innegabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente: il cartaceo è insostituibile e l'ereader è un supporto utilissimo. :)

      Elimina

thank u.
i love reading your rolling thoughts.♡