WHO AM I?


« I know who I WAS when I got up this morning,
but I think I must have been changed several times since then. »

ID:
24, hazel eyes, brown hair.
2 hands, 10 fingers, 2 legs, 1 mind, a million thoughts.
shy, wallflower, dreamer.

ten things about ME:
(i) Ho un planisferio attaccato nell’armadio così mentre decido cosa mettermi scelgo anche dove andare.
(iiAlmeno una volta al giorno mi ritrovo a canticchiare Love Me Tender.
(iii) Ogni tanto esco sul balcone con il binocolo e faccio finta di essere Suzy Bishop.
(ivColleziono fiori, piume, castagne e tutto ciò che è carino o curioso e particolare.
(
v) How's Annie?
(viMi interessa tutto ciò che riguarda lo spazio, l’universo, le stelle, i pianeti, gli alieni.
(viiI miei film preferiti da quando sono piccola sono due: Edward Mani di Forbice e ET.
(viii) « She loved animals more than anything, probably more than people. »
(ixHo un problema a rileggere i vecchi post. Spero per voi che non li troviate troppo imbarazzanti.
(xMi piace parlare, leggere e scrivere (questo un po’ meno) in inglese. Alcune parole le preferisco in italiano e altre in inglese, e questo spiega il bilinguismo del blog.

favourite WRITERS:
Lewis Carroll, Edgar Allan Poe, George R.R. Martin, Neil Gaiman, J.K. Rowling, Patrick Ness, Rick Riordan, Maggie Stiefvater, Courtney Summers.

favourite BOOKS & SERIES:
Alice's Adventures in Wonderland, Jane Eyre, The Great Gatsby, Harry Potter, Fairy Oak, Coraline, Shiver, The Strange and Beautiful Sorrows of Ava Lavender, I'll Give You The Sun, Vicious, More Than This, Nimona, The Evolution of Calpurnia Tate.

she was in wonderland for ME:
È uno spazio che mi aiuta a riordinare i pensieri e a esprimermi perché ho sempre odiato scrivere ma mi piace parlare di libri, e questo mi offre un esercizio costante. Con il tempo ho capito di essere in grado di mettere per iscritto qualcosa in modo personale, di argomentare (se mi veniste a chiedere di persona cosa ne penso di un libro, probabilmente farei la peggiore figuraccia su questa terra perché non riuscirei a spiccicare parola), di scoprire cosa ne penso e qual è la mia posizione davanti a determinate tematiche. Il blog mi è utile per mettermi alla prova, per farmi venire in mente idee originali e mettermi in gioco, a rispettare le scadenze, a fare ricerche per le varie iniziative e operare in modo un po’ più professionale grazie al rapporto con le Case Editrici. Ogni opportunità, occasione e possibilità che mi viene data, dalla “semplice” recensione all’intervista a tu per tu con l’autore, mi fa capire in modo più concreto cosa mi piace fare e cosa vorrei fare, e io vorrei migliorarmi sempre di più.